HELHEIM – The Journeys And The Experiences Of Death

Pubblicato il 05/12/2006 da
voto
6.0
  • Band: HELHEIM
  • Durata: 00:47:36
  • Disponibile dal: 12/06/2006
  • Etichetta: Dark Essence Records
  • Distributore: Masterpiece

Spotify:

Apple Music:

Ahimé, forse è giunta l’ora per i norvegesi Helheim, uno dei gruppi storici viking metal in circolazione, di scendere dai propri vascelli e far ritorno a casa. La band dopo lo splendido “Blod & Ild”, vivido di sangue vichingo, ha iniziato un preoccupante processo di involuzione culminato col deprecabile “Yersinia Pestis” e prosegue con il nuovo “The Journeys And The Experiences Of Death”, album sufficiente, ma lontato dagli standard raggiunti dal gruppo in passato. Il titolo fotografa il contenuto del quinto full length album degli Helheim: si tratta di un viaggio cupo verso i confini pericolosi della morte, dove il tempo è adombrato dal fatalismo pessimista delle genti del Nord. Non suona propriamente viking metal questo CD, anzi di epico c’è assai poco. Solitamente gli Helheim hanno sempre privilegiato la furia black metal al viking metal versatile e ammiccante più all’heavy che non al metal estremo. Con il lavoro precedente preoccupanti influssi thrash/death avevano fatto capolino, ora il CD suona piuttosto death/black, con riff contorti e purtroppo talvolta sconclusionati. Forse si tratta dell’album più introverso della band, il meno subitamente accessibile, il più cupo e distorto. Due buoni brani come l’opener “Veneration For The Dead” e la conclusiva “Threll And The Master” non riescono a capitalizzare le buone idee di cui dispongono, c’è qualcosa che non va, il meccanismo non è pulito, manca sempre qualcosa a questo album per elevarlo al di sopra dell’anonimato. Unico brano che resta impresso, anche se un po’ troppo lungo, è “Oaken Dragons” in cui sembra di vivere un’Odissea nordica, con canti di sirene sinistre che cercano di incantare i guerrieri che fieri procedono sui loro drakkar. I vichinghi Helheim procedono retti per la propria via, ma il mare davanti a loro è in tempesta.

TRACKLIST

  1. Veneration For The Dead
  2. Dead Mans Eyes
  3. Bewitchment
  4. Second Death
  5. Entering The Beast
  6. Helheim 5
  7. Oaken Dragons
  8. Thirteen To The Perished
  9. Threll And The Master
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.