HELMET – Seeing Eye Dog

Pubblicato il 29/11/2010 da
voto
5.5
  • Band: HELMET
  • Durata: 00:37:51
  • Disponibile dal: 07/09/2010
  • Etichetta: Work Song
  • Distributore: Goodfellas

Recensire gli Helmet versione 2010 è una pena immane e un lavoro non facile. Non rispettare uno come Page Hamilton è cosa impossibile. Quello che negli anni novanta è riuscito a creare quest’uomo è qualcosa di strabiliante e stupefacente, e l’influenza del combo di New York, che si percepisce ormai in ogni angolo della musica pesante odierna, è ovvia e innegabile. Gli Helmet avevano fatto della semplicità e del groove un’arma micidiale e malleabile nella quale si erano altamente specializzati, creando sempre prodotti di qualità elevatissima che avevano sempre e comunque un impatto devastante. Trascinate da dei riff giganteschi e quadrati e da una sezione ritmica assolutamente fuori dal comune, le canzoni degli Helmet erano tutte degli istantanei classici: semplici, micidiali e memorabili. Oggi gli Helmet sono il guscio vuoto di quello che sono stati fino al primo scioglimento nel ’97. Ci sono sempre i ruggenti amplificatori di Page Hamilton, ma le idee e la sezione ritmica non ci sono più. Soprattuto quest’ultima che, oltre al basso propulsivo di Henry Bogdan, era appannaggio soprattutto di un batterista mostruoso e incredibilmente creativo (e lo sta dimostrando fin troppo bene nei Battles) come John Stanier, se n’è andata lasciando un vuoto incolmabile. Sarebbe più corretto chiamare gli Helmet di oggi la Page Hamilton Band o qualcosa del genere, perché effettivamente di questo si tratta: Hamilton da solo al comando di una band composta da gregari senza infamia e senza lode che sapranno anche suonare “In the Meantime” alla perfezione dal vivo, ma che quando si tratta di dare quella marcia in più a dei pezzi nuovi mancano clamorosamente l’obiettivo. C’è da dire comunque che della triade di album pubblicati dalla band nella nuova era post-Bogdan/Stanier (gli altri due sono il moscissimo “Size Matters” prima e lo scandaloso “Monochrome” poi), “Seeing Eye Dog” è sicuramente quello meglio riuscito, ed offre qua e là qualche sprazzo di genuino furore, ma sono episodi isolati. Come già accennato in precedenza i tempi di “Strap it On”, “Meantime”, “Betty” e pefino il sottovalutatissimo “Aftertaste” sono molto lontani. Senza Henry Bogdan e John Stanier la strada di Page Hamilton è tutta in salita, e una reunion è auspicabile al più presto per ridare a questa band lo status di leggenda che merita.

TRACKLIST

  1. So Long
  2. Seeing Eye Dog
  3. Welcome To Algiers
  4. LA Water
  5. In Person
  6. Morphing
  7. White City
  8. And Your Bird Can Sing
  9. Miserable
  10. She's Lost
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.