HER CHARIOT AWAITS – Her Chariot Awaits

Pubblicato il 19/05/2020 da
voto
7.5
  • Band: HER CHARIOT AWAITS
  • Durata: 00:44:05
  • Disponibile dal: 22/05/2020
  • Etichetta: Frontiers
  • Distributore:

Spotify:

Apple Music:

Per la serie “cantanti in cerca d’autore”, stavolta è la spagnola Ailyn, ex Sirenia, non particolarmente attiva negli anni successivi alla separazione con la band norvegese, che unisce le forze con il chitarrista Mike Orlando (Adrenaline Mob). Un duo senz’altro particolare, perchè mette insieme due stili alquanto differenti, dai quali nasce tuttavia qualcosa di nuovo, dove il background dei due protagonisti risulta ben amalgamato. Orlando porta un sound senz’altro molto americano, sia nelle sonorità di chitarre, sia in diverse influenze che fanno capolino nei vari brani, oscillando tra un robusto hard rock e un heavy metal carico di groove, caratterizzato da riff solidi e massicci; per contro, Ailyn, pur possedendo una voce che certamente si riesce ad inserire molto bene in questo contesto, possiede pure un’impostazione differente, proveniente dal gothic/death nordeuropeo: quest’aspetto si riflette inevitabilmente in diversi passaggi considerando il suo approccio alle parti vocali, risultando alquanto evidente soprattutto se si guarda all’utilizzo delle seconde voci.
Oltre a questo, va poi detto che il songwriting di questo album d’esordio appare davvero di buon livello, con una serie di brani di immediato impatto, dove la chitarra di Orlando è a dir poco dirompente e in grado di travolgere l’ascoltatore con un sound deciso e un riffing pulsante, senza trascurare il valido apporto di Jeff Thal alla batteria.
La tracklist è dunque composta da brani davveri efficaci e convincenti, salvo magari un paio di tracce un po’ ripetitive nella parte centrale, ma per il resto praticamente tutte potenziali hit: possiamo citare “Misery”, “Dead & Gone”, “Stolen Heart, “Take Me Higher”, ma ci sarebbe l’imbarazzo della scelta se si volesse cercare di individuare le canzoni più significative dell’album. C’è spazio anche per una cover, “Constant Craving”, della cantante canadese K.D. Lang, a nostro avviso persino più bella rispetto alla versione originale.
Un buon esordio, dunque, che ha peraltro il merito di recuperare un buon talento come quello di Ailyn, che sembrava rischiare di perdersi un po’ di vista, ma che ora, grazie a questo progetto, ha potuto trovare lo spazio ideale per poter riemergere.

TRACKLIST

  1. Misery
  2. Dead & Gone
  3. Screaming Misfire
  4. Stolen Heart
  5. Constant Craving (K.D. Lang cover)
  6. Say No
  7. Line Of Fire
  8. Turning The Page
  9. Take Me Higher
  10. Just Remember
  11. Forgive Me Dear
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.