HIGH ON FIRE – Spitting Fire Vol. 1 & 2

Pubblicato il 18/07/2013 da
voto
7.0
  • Band: HIGH ON FIRE
  • Durata: 01:21:55
  • Disponibile dal: 26/05/2013
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: EMI

Al trucchetto delle “pubblicazioni misteriose” hanno aderito anche gli High On Fire e, sinceramente, non ne abbiamo capito il vero motivo. Poco importa, se non che, dopo una serie di validissimi dischi (soprattutto sul finire dello scorso decennio), il trio di Oakland torna ad immergersi in un profondo live album come non accadeva dal 2005, l’anno di “Live From The Relapse Contamination Festival”. Tale scelta si manifesta in questa doppia release, “Spitting Fire”, due dischi i cui compiti sembrano da andare a ricercare in una voglia matta di infiammare l’estate con suoni sporchi ed esplosioni di puro grezzume stoner, rumori e sensazioni delle più meschine estrapolate direttamente da due concerti tenutisi a breve distanza nella Grande Mela, il primo alla The Music Hall di Williamsburg, in data uno dicembre 2012, mentre il secondo al Bowery Ballroom, il 30 novembre dello stesso anno. Gli High On Fire li conosciamo bene: nonostante un appiattimento generale dei suoni sulle ultime prove in studio, il loro gonfiatissimo attacco stoner rimane una garanzia per quanto riguarda le esibizioni dal vivo, sempre intense, vissute e intrise di quella passione portata avanti tra vizi ed eccessi dallo storico frontman Matt Pike, peso massimo della sonorità dure e pure. Se poi aggiungiamo al tutto una vena di nostalgia rappresentata dalle care e vecchie “Blood From Zion”, “Speedwolf” o dalla magistrale “Hung, Drawn And Quartered”, allora il target del prodotto diventano immediatamente tutti quanti i devoti, a chi ha seguito questa band fin dall’inizio, magari orfano dei grandi Sleep, o semplicemente a chi si è avvicinato a questo mondo solo dopo la pubblicazione dei grandiosi “Blessed Black Wings” e “Death Is This Communion”. Garanzie assolute, quindi, sul muro sonoro che sono in grado di ergere questi instancabili braccianti del doom metal, un muro solidissimo e che in certi frangenti rimane pacchiano da ammirare, ma che certo non lascia indifferenti o inchiodati alla propria sedia di casa. Un ascolto – ma anche ben più di uno – è dunque consigliato: i momenti di esaltazione non mancano e la potenza conferita alla produzione finale è degna di un qualsiasi album in studio della band, salvaguardando quell’impatto devastante tipico dell’intera discografia ad oggi. Da loro non aspettatevi nient’altro che sputate in faccia e chitarroni senza fronzoli; un approcio che potrebbe scoraggiare i più pretenziosi, ma che, fino a prova contraria, non ha mai richiamato a sè noia e cadute di stile.

TRACKLIST

  1. Serums of Liao
  2. Frost Hammer
  3. 10,000 Years
  4. Devolution
  5. Last
  6. Fertile Green
  7. Speedwolf
  8. Rumors Of War
  9. DII
  10. Fury Whip
  11. Madness Of An Architect
  12. Face Of Oblivion
  13. Hung, Drawn And Quartered
  14. Blood From Zion
  15. Snakes For The Divine
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.