HIGHLAND GLORY – From The Cradle To The Brave

Pubblicato il 11/07/2003 da
voto
4.0
  • Band: HIGHLAND GLORY
  • Durata: 00:53:50
  • Disponibile dal: 23/06/2003
  • Etichetta: Massacre Records
  • Distributore: Spin-go

Interessante operazione, questa degli Highland Glory che, evidentemente, hanno deciso con questo “From The Cradle To The Brave” di farci riascoltare tutti i riff e i solo degli Iron Maiden, posti però in un contesto diverso, e con un cantato che somiglia a quello di Eric Adams in tutto e per tutto. Ma andiamo ad analizzare minuziosamente ogni singolo pezzo di questo platter, al fine di ravvisare almeno un barlume di originalità, o qualche buona idea. Si iniza con un pezzo intitolato “One Last Chance”, che parte con un solo di tastiera estratto in ogni sua parte da un qualsivoglia solo di tastiera apparso in un qualsivoglia disco hard rock/metal uscito negli anni ’80. Invero va detto che l’assolo è piuttosto catchy al primo ascolto, per poi diventare inutile al secondo: dopo una decina di secondi parte la chitarra che per tutto il pezzo si limiterà a mettere di fila tre power chord insulsi, sentiti e risentiti dapperttutto. Ma ecco che attacca la voce che si esibisce in acuti ormai noti a tutti, che non impressionano più nessuno e che, sinceramente, quando non sono assolutamente funzionali al pezzo diventano pressoché inutili. Non resta che passare alla seconda canzone… “Beyond The Pharao’s Curse” è l’originalissimo titolo dato a questo pezzo, che risulta essere un mid tempo corredato di assoli e riff presi evidentemente in prestito dai Maiden. Non si vuol dire che abbiamo di fronte un vero e proprio plagio – alcune variazioni armoniche del resto ci sono – ma le note sono proprio quelle, e comunque il modo di suonare le chitarre, gli effetti utilizzati, il suono ottenuto è in tutto e per tutto identico ad un disco della band di Harris e soci. Per la terza traccia, “A Warrior’s Path”, valgono esattamente le stesse considerazioni fatte per la seconda: qui c’è però anche un intermezzo di chitarra classica piuttosto vuoto, in cui vengono suonate non più di cinque note ripetute all’infinito. Come dire: più forma che altro.”The Promise I Swear” è la classica power ballad sentita milioni di volte che inizia con un piano piuttosto pacchiano e che si sviluppa poi sulla solita alternanza piano chitarra/elettrica con intermezzi di chitarra acustica, con  la pèrestazione di un cantante che vorrebbe stupire per le sue doti vocali andando a pescare acuti per lui insostenibili. Arriviamo poi a quelli che dovrebbero essere i due higlight di questo disco, ossia “The Land Of Forgotten Dreams part 1” e  “The Land Of Forgotten Dreams part 2”. E’ difficile comprendere la scelta di presentare i due brani uno dietro l’altro, fatto sta che comunque essi sono completamente differenti tra loro: il secondo non riprende il primo nemmeno dal punto di vista musicale, e la durata superiore ai sette minuti delle due tracce li rende quanto di più scontato e fastidioso si possa ascoltare, anch’essi accompagnati come sono da tutti i cliché del caso (doppia cassa, acuti e vocalizzi vari, riff effettati). “Will We Be Again?” è un altra power ballad con il solito piano, piuttosto simile al precedente, e la solita chitarra che si alterna al piano. Infine, “From The Cradle To The Brave” è una canzone costrutita sulla doppia cassa, con cori maestosi, ma alla fine non aggiunge nulla di nuovo a quanto già sentito in questo campo. Insomma, non si vuol arrivare a consigliare agli Highland Glory di cambiar mestiere, ma di qui a consigliare al pubblico di risparmiare i soldi necessari all’acquisto di questo cd il passo è breve.

TRACKLIST

  1. One Last Chance
  2. Beyond The Pharao’s Curse
  3. A Warrior Path
  4. This Promise I Swear
  5. The Land Of Forgotten Dreams (Part 1)
  6. The Land Of Forgotten Dreams (Part 2)
  7. Wear Your Gun To Neverland
  8. Will Be Again
  9. From The Cradle To The Brave
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.