HIM – Dark Light

Pubblicato il 21/11/2005 da
voto
7.0
  • Band: HIM
  • Durata: 00:45:19
  • Disponibile dal: 27/09/2005
  • Etichetta: Sire Records
  • Distributore: Warner Bros

Ritorno in pompa magna per i finlandesi HIM, pronti per il lanciomondiale dopo il greatest hits di successo “And Love Said No: GreatestHits 1997-2004” e il continuo bombardamento mediatico, soprattutto daparte del loro fan numero uno Bam Margera, che con la sua trasmissioneViva La Bam su MTV ha introdotto il nome HIM nel mainstream (dovetesapere che quel pazzo di Bam ha adottato come se fosse suo il famososimbolo della band, e ha anche gli stessi tatuaggi del frontman!). Si èpartiti maluccio a dire il vero, con un Ville Valo con capello corto evisibilmente ingrassato al Download Festival: l’imbruttirsi delfrontman sarebbe stato un colpo durissimo per la band, che sullabellezza di Valo gioca un buon 50% del successo commerciale, bastivedere le orde di assatanate fan che lo adorano ad ogni suaapparizione. Il bel tenebroso è però tornato in forma, i capelli stannoricrescendo, e il primo singolo “Wings of A Butterfly” risultavincente. Lo stile è immutato e rimane lo stesso delle precedentiproduzioni della band, oramai veramente standardizzate a livello disound: si parla di lenti con sottofondo hard rock e sinth a condire iltutto, con a capo ovviamente la calda voce di Ville, sempre impegnata anarrare storie e poesie dedicate alla oscura lei di turno. Unicadiscriminante tra gli album è il livello di ispirazione degli artisti,visto che dal punto di vista stilistico la situazione è sempre stataimmobile. Com’è allora questo “Dark Light”? E’ un album degli HIM intutto e per tutto: gli arrangiamenti e le scelte melodiche sonoindubbiamente di qualità e non scivolano mai nel pop più plasticoso,velate da quel senso di oscurità e da quella poesia che i fan adorano,ruffiana di sicuro ma anche maledetta e gotica. La controparte musicaleè groovy e ben strutturata, sempre lineare nella strutturazione deipezzi ma piacevole e puntuale nel lasciare tutto lo spazio al bel frontman.I difetti sono racchiusi nell’immobilismo stilistico e da unasensazione di già sentito che accompagnerà i fan di annata, oltre cheall’assenza di hit colossali come la recente “Funeral of Hearts”.”Killing Loneliness”, “Behind the Crimson Door” e “Vampire Heart” sonoi pezzi più riusciti, ma nessuna traccia si dimostra deludente in toto.In definitiva un album che ripropone le qualità della band in manierapiù che soddisfacente e utile al lancio internazionale, che nondeluderà nessuno ma che nemmeno sarà un album da ricordare nel percorsostilistico degli HIM.

TRACKLIST

  1. Face of God
  2. Rip Out the Wings of A Butterfly
  3. Killing Loneliness
  4. Behind the Crimson Door
  5. Dark Light
  6. Under the Rose
  7. Vampire Heart
  8. Play Dead
  9. Drunk on Shadows
  10. In the Night-Side of Eden
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.