HIMSA – Hail Horror

Pubblicato il 06/03/2006 da
voto
7.0
  • Band: HIMSA
  • Durata: 00:46:34
  • Disponibile dal: /02/2006
  • Etichetta: Prosthetic Records
  • Distributore: Andromeda
Streaming non ancora disponibile

Giovani virgulti crescono. Gli Himsa hanno imparato bene la lezione. Sono stati attenti, applicandosi con zelo. I risultati, bontà loro, si vedono… e si sentono! “Hail Horror” è un concentrato di violenza, violenza thrash-death a cavallo tra sound svedese e americano, pronta a deflagrare sin dalla prima traccia. Violenza controllata, smaliziata, mai eccessiva o troppo confusionaria. Con un orecchio sempre attento alla melodia… proprio come quella dei primi, grandissimi Arch Enemy. Dieci pezzi che pericolosamente fondono quegli assalti all’arma bianca cari alla vecchia Bay Area di S.Francisco con le finezze dei fratelli Amott e un’attitudine hardcore. Diciamo “pericolosamente” poichè al giorno d’oggi non è affatto facile conciliare questi elementi senza risultare la solita, patetica band americana che gioca a fare la svedese. Gli Himsa, dal precedente album – il favoloso “Courting Tragedy And Disaster” – ci riescono molto bene. E allora eccoci alle prese con una tracklist che non conosce cedimenti, che mescola influenze americane e svedesi con maestria e coerenza, senza concedere nulla a pacchianate e ruffianate varie. Mente hardcore e braccio metal, quasi come i connazionali Darkest Hour. Non è certo musica rivoluzionaria, quella degli Himsa, ma “Hail Horror” è un disco che tiene l’ascoltatore incollato alla poltrona, che diverte, che fa scapocciare. Il succitato “Courting Tragedy And Disaster” era forse un po’ più vario e dinamico di questa nuova opera, ma quello che abbiamo fra le mani è comunque un più che degno successore. Non a caso, “Sleezevil”, “The Destroyer” e “Calling In Silent” vanno annoverati seduta stante tra i brani migliori composti dal quintetto nella sua carriera. In un momento dove, in campo thrash-death, non si ascolta nulla di particolarmente degno di nota, questo è dunque un album che vale tutto il suo prezzo.

TRACKLIST

  1. Anathema
  2. Sleezevil
  3. The Destroyer
  4. Pestilence
  5. Wither
  6. Wolfchild
  7. Seminal
  8. They Speak In Swarms
  9. Calling In Silent
  10. Send Down Your Reign
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.