HOBOS – Nell’Era Dell’Apparenza

Pubblicato il 01/02/2019 da
voto
7.0
  • Band: HOBOS
  • Durata: 00:25:34
  • Disponibile dal: 04/01/2019
  • Etichetta: Spikerot Records
  • Distributore:

Il nuovo lavoro della band veneta degli Hobos è una bella bordata di punk metal grezzo e stradaiolo corroborato da una vena di un death metal scandinavo che tanto ci ricorda “Wolverine Blues” più di qualsiasi altra cosa, se vogliamo rimanere nel genere. Ma non facciamoci fuorviare dalla’andamento death che a prima vista sembra andare per la maggiore in “Nell’Era Dell’Apparenza”: è l’hardcore che delinea i connotati veri e propri del disco, e semmai l’ombra di death and roll che ne disegna i contorni (non senza un pizzico grindcore che ogni tanto spunta con delle velocissime e violente manate) è un mezzo con cui rafforzare certe doti comunicative che roteano, in ogni caso, attorno al circuito punk hc.
Questo detto, “Nell’Era Dell’Apparenza”, si fa ascoltare con un certo gusto, benché non ci racconti nulla che non sia stato già raccontato: dieci tracce compresse in meno di mezz’ora, riffoni grossi e snelli assieme, rasoiate inferocite, qualche pezzo effettivamente davvero pesante come “La Fine Dei Sogni” che va a far risaltare notevolmente certi esempi di velocità di cui l’album è disseminato e che, come già detto, fungono da vera ossatura dell’intero apparato. Il cantato in italiano, con un buon growl, non fa che aumentare il senso di appartenenza alla scena principale da cui gli Hobos provengono, e dona al disco quel senso di tangibilità che in un disco del genere non può che far bene.
Insomma, siamo negli ambiti di un album ben fatto, ben suonato e senza particolari difetti, una proposta che potrà interessare di sicuro gli amanti delle sonorità sopra descritte, dagli Zeke agli Entombed con un ampio margine di roba in mezzo. C’è un’aria generalmente divertita durante l’ascolto del disco, e siamo sicuri che il grosso, gli Hobos, lo dimostrano dal vivo, come anche i loro video sembrano suggerire, e benché un ascolto al disco sia consigliato caldamente, è proprio su di un palco che vi invitiamo a saggiare le qualità dei veneziani.

TRACKLIST

  1. L'incubo della follia
  2. Uno di troppo
  3. Prega per te
  4. Fino alla
  5. La fine dei sogni
  6. Brucia dentro
  7. L'era dell'apparenza
  8. Generazione testa bassa
  9. Ora d'aria
  10. Essi vivono
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.