HORRID – Rising From The Hidden Spheres

Pubblicato il 18/07/2006 da
voto
6.5
  • Band: HORRID
  • Durata: 00:42:53
  • Disponibile dal: 15/04/2006
  • Etichetta: Xtreem Music
  • Distributore:

Il mercato discografico estremo, al giorno d’oggi, sta dando undiscreto spazio a quelle band che suonano death svedese, sullafalsariga dei primi Entombed, Dismember, Carnage e compagnia bella:probabilmente questo recupero delle radici è dovuto al fatto che più diogni altro genere il death ha saputo evolversi e ramificarsi,dividendosi tra proposte ipertecniche, melodiche o brutali e persinoincrociandosi con altri generi musicali. Per chi appunto volesserecuperare le radici del genere, accanto alle band storiche troviamodelle nuove leve, tra i quali i più noti sono probabilmente iBloodbath. Anche gli italiani Horrid fanno parte di questo filone,anzi, anagraficamente parlando potremmo utilizzare per loro l’aggettivo”storici”. La band infatti si è formata nel lontano 1989, anche se ilprimo full length è apparso sul mercato solo nel 2002. Non è certo laperseveranza che difetta agli Horrid ed infatti, passati dalla Deadsunalla Xtreem Music, a distanza di quattro anni sfornano il loro secondolavoro, “Rising From The Hidden Spheres”. L’album, come risulterà giàchiaro, è un concentrato di sonorità swedish old school che faranno lagioia degli amanti di Dismember e Fleshcrawl. Pochissimi fronzoli etanta sostanza dunque, riproposta qui sotto forma di traccedall’andamento veloce, riffing incessante, chitarre crunchy e growlingassolutamente perfetto. Pochi sono i rallentamenti all’interno diquesti quaranta minuti abbondanti, assolutamente sotto lo zero laconcessione al trend melodico. C’è da dire che, seppure formalmenteperfetto, questo platter difetta un po’ in personalità, con tracce chenon lasciano un segno duraturo e non restano impresse nella mente.Questo è un lavoro fatto apposta per chi dalla musica vuole trarreemozioni forti, da headbanging sfrenato e, anche se i classici delgenere sono di un altro pianeta, un ascolto agli Horrid è comunque piùche consigliato.

TRACKLIST

  1. Nothing Lives Forever
  2. Rising From The Hidden Spheres
  3. From Here To Eternity
  4. Come To Me
  5. Feeling Hate
  6. Redemption And Lies
  7. Harmonic Devastation
  8. Outro
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.