HUMAN FORTRESS – Raided Land

Pubblicato il 27/01/2014 da
voto
6.5
  • Band: HUMAN FORTRESS
  • Durata: 00:54:53
  • Disponibile dal: 13/12/2013
  • Etichetta: AFM Records
  • Distributore: Audioglobe

Ritorno finalmente sulla retta via per i rinnovati Human Fortress, dopo una lunghissima pausa durata ben cinque anni, da quell’”Eternal Empire” uscito nel 2008 che ha rischiato davvero di fare precipitare la band nell’oblio. “Eternal Empire” infatti fu un vero e proprio scempio, dove il power-epic leggero ed ultramelodico di stampo finlandese caratterizzante le prime due apprezzabili uscite venne sostituito da un heavy metal moderno e dai tratti quasi NU metal, mal fatto e poco ispirato. Oggi la band, compreso l’errore madornale, si ripresenta al pubblico con una formazione rinnovata per la maggior parte, con l’innesto principale nella figura del nuovo cantante, quel Gus Monsanto che in anni recenti si è fatto apprezzare sul secondo ed il terzo Revolution Renaissance ma che anche bene si era messo in mostra su Dominate dei francesi Adagio. “Raided Land”, questo il titolo del nuovo album degli Human Fortress, non è un capolavoro, ma si lascia ascoltare in maniera piacevole, forte di un power ad ampio respiro, dove a farla da padrone sono le tastiere di Dirk Liehm ed il cantato di Monsanto, forse più a suo agio qui che con Timo Tolkki. Anche chitarristicamente parlando la band se la cava bene, senza comunque azzardare passaggi troppo complessi, ben sorretta da una solida sezione ritmica. A livello di songwriting i tedeschi regalano un album gradevole, che non fa gridare al miracolo ma che neppure merita di finire nel cestino dei rifiuti, ed anche la produzione è più che degna. Il ritorno alla ragione di una band che ha provato a fare in maniera pessima ciò che non sapeva fare.

TRACKLIST

  1. Raided Land
  2. Child Of War
  3. Wasted Years
  4. The Chosen One
  5. Shelter
  6. Gladiator Of Rome (Part 2)
  7. Dark Knight
  8. Prelude
  9. Pray For Salvation
  10. Evil Curse
  11. Restless Souls
  12. Under Siege
  13. Guard The Blind
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.