HUNGRY LIKE RAKOVITZ – The Cross Is Not Enough

Pubblicato il 12/03/2013 da
voto
7.5
  • Band: HUNGRY LIKE RAKOVITZ
  • Durata: 00:26:00
  • Disponibile dal: 01/03/2013
  • Etichetta: Grindpromotion
  • Distributore:

I lombardi Hungry Like Rakovitz si confermano band ormai matura e piena di vitalità con questo nuovo “The Cross Is Not Enough”, ennesimo avvincente sfogo di un repertorio che si sta facendo sempre più corposo e sempre più violento. Seguiamo la formazione di Bergamo da qualche anno e l’abbiamo vista prima muoversi su coordinate prettamente “post”/chaotic hardcore in stile Converge, poi abbracciare più spiccatamente influenze grindcore e ora, al primo full-length ufficiale, ci troviamo a fare i conti con la summa di tutti questi spunti, egregiamente incanalata in una tracklist che non si perde certo in lungaggini ma che, al tempo stesso, concede variazioni a sufficienza per far sì che la trappola della monotonia venga evitata e che il disco non perda impatto ed effetto sorpresa col passare dei minuti. In questo turbinio di frequenze ci si ritrova ora a ripensare alle entità più oscure e ruvide dell’hardcore di fine anni ’90/primi 2000 (Integrity e appunto Converge), così come a dover fare i conti con sfuriate grind, passaggi prettamente “rot’n’roll” in odore di Cursed e persino in qualche velleità black metal che, almeno nei passaggi più criptici, non stonano affatto. L’album scorre come un unico flusso sonoro nel quale lasciarsi sprofondare, producendo un effetto straniante molto simile a quello prodotto dall’ascolto di una vecchia perla come “Jane Doe”;  naturalmente, la proposta dei Nostri non ha ancora l’estensione e il magnetismo di quella degli statunitensi, tuttavia infonde una sorta di trance che durante l’ascolto porta la mente a perdersi in questo vortice di ostilità e logoramento. Fra i brani, pur nella relativa uniformità delle composizioni, si fa comunque preferire “I’ll Be Back In Five Minutes With John Titor”, traccia dal groove pronunciato e decisamente contagioso. Detto di una produzione azzeccatissima, non ci resta che sottolineare come, ancora una volta, l’Italia sia in grado di offrire musica estrema di alta qualità, che ha ormai azzerato completamento qualsiasi divario o complesso di inferiorità con le pubblicazioni che regolarmente ci vengono propinate da etichette e band d’oltreoceano. Certo, “The Cross…” non è un’opera di facile fruizione e non è adatta a tutti i momenti della giornata, ma è e resta un disco assolutamente concreto e professionale, che cresce col procedere degli ascolti e che svela continuamente vari avvincenti modi di concepire la violenza in musica.

TRACKLIST

  1. Reborn To Die Twice
  2. Tears Of Strangers Are Only Water
  3. Pornographers Of Violence
  4. Celestial Incest
  5. Demons Over Demons
  6. Revelation Six
  7. Please Tom Selleck Drive Me To Hell
  8. Baptized In Reverse
  9. Anders Suhm
  10. Putrefiction
  11. The One Who Knocks At Your Door
  12. The Size Of The Horn
  13. We Who Fuck The Darkness
  14. The Glorious Way To Become Ashes
  15. I'll Be Back In Five Minutes With John Titor
  16. Abyss Obsessed
  17. In The Beard Of Satan
  18. Redemption In Slowmotion
  19. The Sound Of You Dying
2 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.