HYPOCRISY – Penetralia + Osculum Obscenum (Remastered 2013)

Pubblicato il 13/07/2013 da
voto
6.0
  • Band: HYPOCRISY
  • Durata: 01:41:00
  • Disponibile dal: 12/07/2013
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

Il problema di recensire una ristampa non sta mai nel comprenderne la musica perché, solitamente, si tratta di qualcosa che già si conosce bene; sta, piuttosto, nel tipo di supporto su cui vi viene fornita l’opera. Nel caso in questione si tratta di file mp3 dentro una cartella “zippata” concessa dalla Nuclear Blast a scopi promozionali: finché si tratta di “ascoltare” non si pongono questioni, anche perché tra i vari bonus vi sono delle tracce live, ma quando si tratta di “guardare” allora le questioni si pongono eccome, perché questo tipo di uscite prevede spesso sostanziosi e ricchi booklet che, ovviamente, finiscono per suggerire parte della valutazione. Tra i file che ci sono arrivati non v’è riferimento alcuno a questo tipo di contenuto, non sappiamo se perché effettivamente assente o per semplice negligenza, quindi non potremo indicarvi alcunché al riguardo. Superata questa naturale perplessità, rimangono i contenuti musicali e quelli sono una sicurezza: si tratta, infatti, dei primi due album degli Hypocrisy, importante pezzo di storia del metal estremo europeo. Questa ristampa documenta le prime esperienze di registrazione su lunga distanza di un giovane Peter Tägtgren, reduce (a cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta) da un’esperienza annuale negli Stati Uniti e folgorato dal più estremo “trend” locale all’epoca “imperante”: “Penetralia” (1992), primo album, lascia trasparire chiare influenze provenienti dalla scena americana, mentre in “Osculum Obscenum” (1993) si comincia a condurre un discorso più personale, ampliato in “The Fourth Dimension” ed esploso definitivamente nel capolavoro “Abducted”. Una cosa che certamente vi interesserà sapere è che il lavoro di rimasterizzazione del sound è, generalmente, andato a buon fine e conferisce buona nitidezza ai suoni dei due album, anche se ad orecchie esperte ed affezionate potrebbero apparire un pochino più freddi rispetto alle registrazioni originali; anche per quanto riguarda le tracce dal vivo possiamo ritenerci più o meno soddisfatti, sia per la (ricorrente) decenza dei suoni, sia per versioni “galvanizzate” dall’esibizione live dei pezzi in questione. In definitiva, se avete a cuore il death metal e la sua storia e, per qualche motivo, vi siete persi questi due album, questa potrebbe essere l’occasione giusta per colmare tale “deplorevole” lacuna.

TRACKLIST

  1. CD 1 - "Penetralia"
  2. Impotent God
  3. Suffering Souls
  4. Nightmare
  5. Jesus Fall
  6. God Is A Lie
  7. Left To Rot
  8. Burn By The Cross
  9. To Escape Is To Die
  10. Take The Throne
  11. Penetralia
  12. Left To Rot (Live)
  13. God Is A Lie (Live)
  14. CD 2 - "Osculum Obscenum"
  15. Pleasure of Molestation
  16. Exclamation of a Necrofag
  17. Osculum Obscenum
  18. Necronomicon
  19. Black Metal (Venom Cover)
  20. Inferior Devoties
  21. Infant Sacrifices
  22. Attachment to the Ancestor
  23. Althotas
  24. Pleasure Of Molestation (Live)
  25. Osculum Obscenum (Live)
  26. Necronomicon (Live)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.