ICED EARTH – Horror Show

Pubblicato il 29/06/2001 da
voto
7
  • Band: ICED EARTH
  • Durata:
  • Disponibile dal: //2001
  • Etichetta:
  • Century Media Records
  • Distributore: Spin-go
Streaming non ancora disponibile

Gli Iced Earth giungono con “Horror Show” alla loro sesta prova in studio,dopo i fasti di “The Dark Saga” e “Night Of The Stormrider” e la lieve flessione accusata dal punto di vista qualitativo nel penultimo “Something Wicked This Way Comes”,presentandosi stavolta con una line up rinnovata,che comprende la seziona ritmica dei Control Denied(il funambolico batterista Richard Christy ed il dio delle quattro-corde Steve DiGiorgio),e con un concept-album,a dire il vero neanche troppo originale,incentrato sulla rivisitazione dei personaggi classici della letteratura e cinema horror.Ecco quindi avvicendarsi sul palcoscenico di “Horror Show” creature mitologiche o storiche come il licantropo in “Wolf”,Jack Lo Squartatore in “Jack”,o ancora invenzioni letterario/cinematografiche come Dracula,Frankestein, Jeckyl&Hyde negli omonimi brani e il Fantasma dell’Opera in “The Phantom Of Opera Ghost” e l’anticristo in “Damien”,in un grande calderone di clichè e luoghi comuni già sfruttati innumerevoli volte da innumerevoli band,tra cui,tanto per ricordarne una su tutte,i nostri Death SS,che si dedicarono ad un concept molto simile già nel lontano 1988,con “In Death Of Steve Sylvester”,e risultati di ben altra natura.La cosa che infatti manca agli Iced Earth,è proprio il feeling oscuro e claustrofobico che Death SS e Mercyful Fate degli anni ottanta possedevano,e la cui mancanza non contribuisce affatto nella riuscita finale di un progetto che avrebbe altresì richiesto una maggiore teatralità di quella che comunque un ottimo Matt Barlow cerca di esprimere con le sue parti vocali,e soprattutto uno spirito ed un gusto davvero ‘horror’ che invece sembra latitare in tutti i quasi sessanta minuti di “Horror Show”.Nulla da dire invece per quanto riguarda la componente prettamente musicale:probabilmente ci troviamo davanti alla migliore prestazione di sempre degli Iced Earth,che rispetto al passato aggiunge una maggiore dose di melodia ed attenzione per gli arrangiamenti,soprattutto in brani eccezionali come “Wolf”,”Jack” e la superba “Damien”,in assoluto uno dei migliori brani mai composti dalla band statunitense;ottime anche le conclusive “Dracula”(nella quale compaiono dei cori molto BlindGuardian-influenced!!!) e “Phantom Of The Opera Ghost”,ma in generale diciamo che tutto l’album si attesta su livelli qualitativi molto buoni,pur non possedendo nella parte centrale picchi clamorosi(altro piccolo neo che distanzia l’album di un ulteriore gradino dallo status di masterpiece).Tirando le somme,sento di poter affermare che “Horror Show”,aldilà delle premesse concettuali che forse non sono riuscite ad incastrarsi al meglio con il US-power/thrash della band e di tutti i commenti che potrebbero esserci(e sicuramente ci saranno) sulla staticità della proposta dei nostri,che a conti fatti,pur essendosi arrichita di nuovi e sporadici elementi, è mutata ben poco dagli esordi ad oggi,risulta essere una delle migliori uscite discografiche dell’anno,e che molto probabilmente riuscirà a mettere d’accordo tutti i veri amanti del metal.Horror for Life!

TRACKLIST

  1. Wolf
  2. Damien
  3. Jack
  4. Ghost Of Freedom
  5. Im-Ho-Tep(Pharaoh's Curse)
  6. Jeckyl&Hyde
  7. Dragon's Child
  8. Transylvania(Iron Maiden Cover)
  9. Frankenstein
  10. Dracula
  11. The Phantom Of The Opera Ghost
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.