ILIUM – Genetic Memory

Pubblicato il 21/10/2011 da
voto
5.5
  • Band: ILIUM
  • Durata: 01:02:98
  • Disponibile dal: 26/08/2011
  • Etichetta: Escape Music
  • Distributore: Frontiers

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Rispetto ai tempi dell’esordio “Sirens Of The Styx”, risalente al 2003, ne sono cambiate di cose per gli australiani Ilium. Prima di tutto il sound proposto, che ai tempi del debut era molto vicino allo stile di gruppi americani come Manilla Road e Omen, si è fatto via via meno spigoloso e più immediato, perdendo però quel senso di mistero e di epicità che lo accompagnava. L’evoluzione artistica si è completata nel 2009, anno in cui alla voce è stato ingaggiato il bravissimo cantante newyorchese Mike DiMeo, entrato nella storia dell’heavy metal soprattutto per avere legato il suo nome ad alcuni capolavori dei fondamentali Riot. A questo punto, per far sì che l’ingresso di DiMeo valesse da valore aggiunto, gli Ilium hanno iniziato a dar maggior peso alle melodie – lasciando un po’ da parte le strutture intricate degli esordi – in favore di una musica più scorrevole e come dicevamo, più immediata, accennando solamente alla gloriosa epopea del metal americano degli Eightes alla maniera degli Slough Feg, senza riuscire però a riproporne le suggestioni. In questo stato di incertezza, a farne le spese è proprio DiMeo, che da valore aggiunto quale avrebbe dovuto essere, si trova a recitare la parte dell’ospite non gradito, in quanto la band non appare in grado di comporre musica che possa coesistere con l’ugola del singer americano. Anzi, per tutta la durata del disco dimostra notevole difficoltà nel suonare in modo da favorire le peculiarità vocali di DiMeo, da sempre incline all’urgenza espressiva e dotato di un timbro vocale decisamente caldo, finendo per esporlo a tonalità troppo alte, o troppo “power” se vogliamo, per il suo range vocale. Tutto ciò finisce indubbiamente per riflettersi negativamente sul risultato finale, lontano dalla bontà dei primissimi lavori e, salvo qualche rara eccezione, privo di composizioni dal tiro giusto.

TRACKLIST

  1. Kinaesthesia
  2. Littoria
  3. Grey Stains the Rainbow
  4. The Immortality Gene
  5. Ephemeral
  6. Genetic Memory
  7. Hostile Sky
  8. Fevered Tongue
  9. Neanderthal Within
  10. Ghosts In Flesh
  11. Irrinja
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.