ILL NINO – Till Death, La Familia

Pubblicato il 24/08/2014 da
voto
6.5
  • Band: ILL NINO
  • Durata: 00:43:45
  • Disponibile dal:
  • Etichetta: Victory Records
  • Distributore: Audioglobe

Avete presente i soldati fantasma giapponesi, quelli che vanno avanti a combattere anche vent’anni dopo la fine della seconda guerra mondiale? Ecco, musicalmente parlando, non troviamo termine di paragone più calzante per descrivere la costanza degli Ill Nino, fieri portabandiera del latin nu-metal da 14 anni a questa parte, nonostante il declino di certe sonorità (nel frattempo invecchiate a sufficienza da essere tornate in auge tra le nuove leve), abbia portato in dote un drastico calo di popolarità, con i conseguenti cambi di etichetta. Coerenza stilistica a là AC/DC, o incapacità evolutiva? Chi scrive propende per la seconda opzione, ma sta di fatto che i Nostri, evidentemente forti di uno zoccolo duro di fan, sono nel frattempo giunti, con questo “Till Death, La Familia”, al settimo full-length di una discografia comunque sempre al di sopra della sufficienza, anche se ormai lontana ai fasti del periodo Roadrunner. Tralasciando l’artwork di scarfaciana memoria, il nuovo album di Chavarri e soci offre poche sorprese, puntando come sempre sul carisma vocale di Machado e sulla dirompente forza ritmica del corpulento batterista, coadiuvato alle percussioni dal nuovo entrato Oscar Santiago, senza dimenticare Ahrue Luster, metaforicamente gravato dal peso dello zainetto di Marc Rizzo e del cappello di Santana. Se da un lato, infatti, non mancano i pezzi da corrida metallica come “I’m Not The Enemy”, “Are We So Innocent” (quasi un outtake degli Slipknot, dopo una sbornia di tequila e Red Bull) e “World So Cold”, dall’altro episodi come “Live Like There’s No Tomorrow”, “Blood Is Thicker Than Water” e “My Bullet” riportano in auge synth e assoli, meno presenti nel precedente “Epidemia”. Certo, osservando la tracklist con maggiore oggettività, risulta difficile prendere sul serio alcuni frangenti – dal ritornello ‘Let’s get high like we don’t give a fuck‘ (“Live Like There’s No Tomorrow”) al bridge spanglish che nemmeno il Kaka più mistico (“Blood Is Thicker Than Water”), così come i bonghi registrati sabato pomeriggio al parco e infilati a forza nel mix (“Dead Ends”), o la cattiveria ispanica degna di una comparsa di Machete (“Payaso”) -, ma d’altronde anche questi elementi contribuiscono al ‘fascino’ del sestetto del New Jersey. Difficilmente sarà questo l’album adatto a conquistare nuove schiere di fan, ma evidentemente la familia degli Ill Nino è sufficientemente numerosa: chi, nonostante gli alti e bassi, non ha mai smesso di ballare la rumba latina, vada pure sul sicuroLa .

TRACKLIST

  1. Live Like There's No Tomorrow
  2. Not Alive In My Nightmare
  3. I'm Not The Enemy
  4. Blood Is Thicker Than Water
  5. Are We So Innocent
  6. Pray I Don't Find You
  7. World So Cold
  8. Dead Friends
  9. Breaking The Rules
  10. Payaso
  11. My Bullet
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.