IMPENDING DOOM (US) – The Serpent Servant

Pubblicato il 30/03/2009 da
voto
6.0
  • Band: IMPENDING DOOM (US)
  • Durata: 00:35:47
  • Disponibile dal: 31/03/2009
  • Etichetta:
  • Siege Of Amida Records
  • Distributore: Audioglobe

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Ecco tornare gli americani Impending Doom… giusto in tempo per celebrare la Pasqua! Questi death metallers cristiani hanno trascorso gli ultimi due anni costantemente in tour negli Stati Uniti e, alla luce dell’ascolto di “The Serpent Servant”, si può affermare che siano maturati un pochino rispetto al precedente “Nailed.Dead.Risen”. Lo si intuisce già dalla cura posta nella produzione del lavoro, che è stato registrato dal cantante degli As I Lay Dying Tim Lambesis (lo avranno conosciuto a catechismo?) e mixato dal noto Zeuss (Shadows Fall, Hatebreed): suoni nitidi e potenti, questa volta… anni luce superiori a quelli paludosi del debut. E anche il songwriting ha subito qualche modifica: brani sempre poco vari, ma generalmente più ritmati e diretti rispetto a quelli proposti in passato. Facile inoltre notare come il gruppo abbia seguito con attenzione gli ultimi sviluppi della scena death-core, facendo ancora più tesoro delle lezioni impartite di recente da Suicide Silence e, soprattutto, Whitechapel. Gran parte delle nuove tracce si muove infatti su coordinate molto care a questi ultimi – vedi l’alternanza fra uptempo e reminiscenze meshugghiane – lasciando un po’ in disparte il death metal più barbaro che qua e là faceva ancora capolino nel vecchio repertorio. Un album dunque abbastanza “alla moda”, potenzialmente in grado di attirare parecchi nuovi fan, tuttavia sempre altamente derivativo e dunque poco appetibile per coloro che continuano a sperare in un guizzo di personalità da parte di queste giovani band a stelle e strisce. È migliorata la forma, qualche pezzo questa volta non è niente male (“More Than Conquerors”, “In the House of Mourning”, “When I Speak”…), ma complessivamente la sostanza non è certo di quelle che fanno gridare al miracolo. Soprattutto la ripetitività continua a essere un importante difetto nella musica dei nostri.

TRACKLIST

  1. When Waters Run Deep
  2. The Serpent Servant
  3. Anything Goes
  4. Storming the Gates of Hell
  5. Welcome to Forever
  6. More Than Conquerors
  7. Revival: America
  8. In the House of Mourning
  9. When I Speak
  10. City of Refuge
  11. Beginnings
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.