IMPLORE – Subjugate

Pubblicato il 19/09/2017 da
voto
7.5
  • Band: IMPLORE
  • Durata: 0:34:00
  • Disponibile dal: 22/09/2017
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: Sony

Rabbia, disperazione, tormento, disillusione… i temi che spesso gli Implore portano nei loro brani sono questi e per musicarli non risparmiano feedback e distorsioni. Un viaggio frenetico e violento per vie già battute da nomi come Nasum, Rotten Sound e, ultimamente, Nails, in cui non c’è, volutamente, la massima cura alla forma e al suono pulito, perché quello che interessa di più è appunto suscitare le succitate emozioni e trascinarci nel loro vortice. Le urla furibonde e senza variazioni di Gabriel “Gabbo” Dubko e la batteria secca e spietata di Guido Montanarini: ecco i due punti cardine su cui si basa il nuovo “Subjugate”, oltre ovviamente a un sound che mescola sapientemente grind e deragliante death metal imbevuto di attitudine crust e hardcore. Non c’è luce in un disco simile, solo ferocia e chitarre ruvide che infieriscono contro l’ascoltatore, facendogli abbassare la testa e la schiena. Un brano come “Birth of an Era” è biglietto da visita che vale più di mille parole: una batteria che sembra grandine che ci cade addosso e chitarre che disegnano trame affilate, senza farsi mancare un vago appeal slayeriano. Si nota questa volta come il gruppo (un tempo basato in Germania, ma oggi assolutamente internazionale) sia riuscito a variare più spesso le strutture e la formula alla base del songwriting, provando a caratterizzare meglio gli episodi e fornendo a questi ultimi un taglio ora più metallico, ora più ‘core’. Se, ad esempio, “Loathe” segue i dettami della migliore tradizione grind scandinava, vi sono dei brani come “Paradox” e “Patterns to Folow” che, alla maniera dei Trap Them, mescolano furiosamente trame tetragone con un’attitudine più stradaiola e ruspante, creando un connubio maggiormente pimpante e “orecchiabile”. Non hanno mai cercato una particolare originalità, gli Implore; nemmeno questa volta, ma la capacità di coinvolgerci e catturarci con la loro carica polemica è nuovamente innegabile.

TRACKLIST

  1. Birth of an Era
  2. Loathe
  3. Cursed Existence
  4. Paradox
  5. Disconnected from Ourselves
  6. Totalitarian
  7. Patterns to Follow
  8. Ecocide
  9. Technology a Justification for Killing
  10. Cult of El
  11. Desolated Winds
  12. Boundary
  13. Untouchable Pyramid
  14. Gazing Beyond
  15. Manufactured Reality
  16. Victims of the Hollowing
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.