IN SEARCH OF THE SUN – Virgin Funk Mother

Pubblicato il 27/10/2017 da
voto
7.5
  • Band: IN SEARCH OF THE SUN
  • Durata: 00:41:20
  • Disponibile dal: 20/10/2017
  • Etichetta: Spinefarm
  • Distributore: Universal

Dopo essersi fatti notare nel 2014 con “The World Is Yours”, tornano alla carica gli inglesi In Search Of The Sun, secondo lavoro finanziato da una campagna Kickstarter ma licenziato dalla Spinefarm Records. Per chi non avesse avuto modo di conoscerli in precedenza, i cinque londinesi propongono una particolare miscela tra complesse partiture strumentali al limite del prog e refrain di stampo alternative/hard rock, aspetto quest’ultimo accentuato rispetto al debutto e probabilmente accentuato dalle esperienze live di spalla a maestri del ritornello killer (Bullet For My Valentine, Funeral For A Friend, Nothing More). Volendo banalizzare, potremmo descrivere “Virgin Funk Mother” come un perfetto incrocio tra le ritmiche asimmetriche degli ultimi Propagandhi e le linee vocali ultra-catchy degli Hoobastank (o, se preferite, del loro ‘padrino’ Brandon Boyd), in un dualismo idealizzato fin dal mistico artwork e perfettamente rappresentato dall’opener (scelta anche come primo singolo) “Say It Like You See It”. Il resto del disco, scorrevole grazie anche la relativamente breve durata, si muove sulle stesse coordinate, spaziando tra passaggi più aggressivi (“Bad Girl”, “Never”, nel cui incipit sembra quasi di sentire i Metallica), incursioni funky sulla scia dei primi Incubus (“Mother Funk”) e mini-suite oniriche (“Little Wolf”, “Mon Amour”). Nulla di straordinariamente nuovo, ma comunque una bella boccata di aria fresca per gli amanti delle contaminazioni, similmente a quanto fatto sentire di recente dai nostrani Anewrage e, in maniera più estrema, dagli ormai veterani Destrage.

TRACKLIST

  1. Say It Like To See It
  2. Bad Girl
  3. Petrichor
  4. Elevation
  5. In The Garden
  6. Little Wolfì
  7. Never
  8. Rejection
  9. Illusions
  10. MotherFunk
  11. Mon Amour
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.