INCARCERATION – Empiricism

Pubblicato il 08/04/2021 da
voto
8.0
  • Band: INCARCERATION
  • Durata: 00:21:24
  • Disponibile dal: 16/04/2021
  • Etichetta:
  • Dawnbreed Records

Spotify:

Apple Music:

Labirinto: costruzione di stampo principalmente mitologico, la cui complessità strutturale lo trasformava in un intricatissimo groviglio di strade dove l’orientamento e la conseguente uscita diventavano un vero e proprio ostacolo ai limite dell’invalicabile. Dalla sua prima rappresentazione, a suggellare le gesta eroiche di Teseo, a quella più recente, portata in scena da Stanley Kubrick nella trasposizione cinematografica di “Shining”, il labirinto è da sempre sinonimo di ansia e agitazione. Se volete dunque una perfetta colonna sonora da abbinare a questa singolare e spesso traumatica esperienza, il qui presente “Emipiricism” è ciò che fa per voi. Autori dell’EP in questione sono gli Incarceration, quartetto brasil-teutonico che, in poco più di venti minuti, ci sputa in faccia una grezzissima miscela di death metal, migliorando di gran lunga quanto prodotto nel precedente “Catharsis”, fin troppo monocorde e totalmente ‘incarcerato’ (giusto per stare in tema) agli stilemi della scuola death svedese.
Un debutto altalenante, seguito da una pausa di riflessione lunga cinque anni in grado di portare ad una rivoluzione interna, rivelatasi fondamentale visti i risultati. Dopo l’uscita del bassista Bjorn Freese, infatti, sono arrivati i due nuovi chitarristi Pedro Capaca ed Alex Obscured, andando così a formare con il leader Daniel Silva ed il batterista Michael Koch una furiosa macchina da guerra. Miglioramenti, si diceva, che si palesano immediati nell’opener “Chtonic Pulse”: dopo una lenta ed angosciosa rincorsa, il tuffo negli abissi più tombinali è di quelli decisi, che fanno male. La scarica di riff, a supportare un drumkit da cantina, anticipa l’entrata in scena dell’ugola sguaiata dello stesso Silva, su cui si inchioda a puntino il maligno lavoro della nuova coppia d’asce. Una mistura d’oblio odioso e putrescente interrotta da un’attesa alla “Raining Blood”, utile ad allargare la voragine sonora appena creatasi, rallentando d’improvviso i ritmi, lasciando che una malinconica melodia accompagni la costernazione vocale del singer carioca fino alla solenne chiusura dell’immane baratro. Abbattuti da cotanta desolazione, è la poderosa “Psychic Totality” ad alzare nuovamente il tasso di cattiveria, costruendo un ponte borchiato old-school tra Svezia e Brasile, sviluppando ulteriormente le trame già presentate nell’album d’esordio. Empirismo portato all’estremo con “Beneath The Chains Of Existence” in cui entra in gioco pure la faccia più thrash degli Incarceration, merito ancora una volta del doppio inserimento alle sei corde. Un lavoro dal breve minutaggio che, sa da una parte lascia un po’ di amaro in bocca visti i piaceri extrasensoriali rilasciati, dall’altra va a coprire ogni smania di crudeltà. Ferocia che trova il suo apice nella tempestosa “Chasms Of Metaflesh”: cambi di ritmo e riff in serie a completare un EP che lancia di diritto gli Incarceration tra le realtà più interessanti dell’underground estremo. Con una soundtrack simile perdersi nel famoso labirinto non sarà più così scioccante.

TRACKLIST

  1. Chtonic Pulse
  2. Psychic Totality
  3. Beneath The Chains Of Existence
  4. Chasms Of Metaflesh
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.