INFECTED RAIN – Endorphin

Pubblicato il 24/10/2019 da
voto
7.5
  • Band: INFECTED RAIN
  • Durata: 00:41:20
  • Disponibile dal: 18/10/2019
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

Il fascino dell’Est, parte seconda. Dopo aver fatto bingo con i Jinjer, passati dal tour di spalla agli Arch Enemy ai sold-out come headliner, la Napalm Records ci riprova stavolta con gli Infection Rain, formazione moldava già rodata (“Endorphin” è il quarto disco in undici anni di attività) ma pronta a farsi conoscere dal grande pubblico grazie al tour di spalla ai Lacuna Coil. Al netto della provenienza geografica, i punti di contatto con i label-mate ucraini sono diversi – dalla presenza di una fanciulla dietro al microfono al genere suonato – ma rispetto a Tatiana e soci il nu-metalcore degli Infected Rain si contraddistingue per una vena più sinfonica: arrangiamenti e clean vocals  creano infatti un bel contrasto con le ritmiche più groovy, dando vita a brani di sicuro impatto come il singolone “Black Gold” o “Symphony Of Trust”, ideale punto d’incontro tra i primi Otep e gli ultimi Lacuna Coil. Detto che le coordinate di riferimento restano le stesse, l’abilità dei Lena e soci è quella di accentuare ora la parte nu (“Passerby” e “Lure” ci riportano agli albori del genere, quando Korn e Coal Chamber spaccavano le classifiche) ora quella electro (“Walking Dead”, una versione più sobria degli In This Moment), riuscendo a mantenere alto il voltaggio fino al synth-pop della conclusiva “Storm” , dove emerge la componente più sinfonica ed eterea. Aggiungiamoci dei testi facili da memorizzare senza però essere banali (un esempio su tutti l’opener “The Earth Mantra”, perfetto per la Greta-generation nel descrivere il difficile rapporto uomo-Natura), ed ecco spiegata la sensazione di euforia derivante dall’ascolto prolungato di “Endorphin”, un ottimo biglietto da visita nel genere ‘metal for the masses’. In attesa di saggiarne le capacità dal vivo, dato che anche l’occhio vuole la sua parte, consigliamo l’ascolto agli amanti della band sopra citate (cui aggiungiamo per dovere di cronaca i compianti Eths), andando magari a riscoprire anche il precedente “86”.

TRACKLIST

  1. The Earth Mantra
  2. Black Gold
  3. Symphony Of Trust
  4. Pendulum
  5. Passerby
  6. Lure
  7. Victims
  8. Walking Dead
  9. Taphephobia
  10. Storm
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.