INGESTED – The Surreption

Pubblicato il 04/07/2011 da
voto
6.0
  • Band: INGESTED
  • Durata: 00:42:25
  • Disponibile dal: 13/06/2011
  • Etichetta: Siege Of Amida Records
  • Distributore: Audioglobe

Negli ultimi due anni gli Ingested devono aver probabilmente giocato nella loro stanza a far finta di essere questa o quell’altra band. Non contenti, hanno continuato questo gioco anche sul loro secondo disco (che tra l’altro è stato prodotto da Mick Kenney degli Anaal Nathrakh), con il risultato che ora si fa un po’ fatica a capire dove vogliano effettivamente andare a parare. C’è un brano cadenzato con gang vocals che sa dei Despised Icon più beceri, qualche traccia dove riecheggiano i soliti Dying Fetus e Skinless e la loro formula slam, un paio di episodi che – anche a causa di uno screaming che appare subito sia anonimo che poco funzionale – si avvicinano pericolosamente a certo death-core dozzinale… Gli ingredienti, a dire il vero, sono tutto sommato quelli del debut, ma qui il tutto appare amalgamato in modo frettoloso o, ancor peggio, studiato un po’ a tavolino. L’impressione è che, per acquisire un appeal il più ampio possibile, “The Surreption” cerchi di gettarsi in numerose direzioni, perdendo la bussola e finendo per risultare una mezza caricatura. Alla fine, qualche brano si apprezza comunque – soprattutto quelli più prettamente death metal oppure l’esperimento in midtempo di “Omega” – così come strappa un sorriso l’attitudine genuinamente tamarra dei ragazzi. Tuttavia, l’amaro in bocca per una occasione sostanzialmente sprecata resta.

TRACKLIST

  1. Crowning The Abomination
  2. Decline
  3. The Consequence
  4. A Coming Unperceived
  5. The Disgusting Revelation
  6. Castigation And Rebirth
  7. 22
  8. Manifesting Obscenity
  9. Kingmaker
  10. The Alpha
  11. Omega
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.