INGLORIOUS – We Will Ride

Pubblicato il 11/02/2021 da
voto
7.5
  • Band: INGLORIOUS
  • Durata: 00:44:17
  • Disponibile dal: 12/02/2021
  • Etichetta:
  • Frontiers

Spotify:

Apple Music:

Chi non si ferma solamente alla superficie ma scava anche nel profondo – ma neanche troppo a dire il vero – dell’universo musicale, sa che negli ultimi anni quando si parla di classic hard rock bisogna per forza fare i conti con i sei musicisti inglesi, ormai non più alle prime armi, che rispondono al nome di Inglorious. Recentemente l’act britannico ha dovuto far fronte ad una vera e propria rivoluzione interna, e così oggi troviamo tre nuovi membri che si aggiungono agli storici Nathan James (voce) e Phil Beaver (batteria). Danny Dela Cruz e Dan Stevens sono la nuova coppia di chitarristi, mentre la scelta per ricoprire la posizione di bassista è ricaduta su Vinnie Colla.
La band arriva al quarto disco in studio (con un ritmo di praticamente una release ogni due anni): “We Will Ride” è un lavoro che si muove con sicurezza e determinazione attraverso le coordinate stilistiche a cui la band ha da sempre abituato i proprio fan. Un hard rock potente ed incalzante ma allo stesso tempo ricercato, con un forte richiamo ai magici anni Ottanta (Whitesnake, Deep Purple) ed influenze blues evidenti ma, rispetto al passato, meno riconoscibili all’interno di queste undici nuove composizioni. I riff di chitarra firmano le basi su cui si poggia la proposta musicale del quintetto inglese che ancora una volta punta su una tracklist quadrata ed ispirata dall’inizio alla fine. Possiamo sicuramente affermare che la costanza sia una dote facilmente accostabile agli Inglorious, ed un punto forte e vincente del loro sound lo si deve attribuire certamente alla voce gloriosa di Nathan, singer espressivo che non fa altro che facilitare il compito ai suoi quattro compagni. Un cantante del genere è sicuramente in grado di far brillare qualsiasi brano o quasi, ma il quintetto inglese non si adagia certo sugli allori e dimostra di possedere un talento compositivo non indifferente. Si parte subito con le note frizzanti di “She Won’t Let You Go” che presto lascia spazio all’intrigante “Messiah”, autentica hit capace di convincere fin dai primissimi ascolti. Le note compatte e potenti di “My Misery” entrano di diritto tra i momenti migliori del disco ma come non citare i ritmi più ragionati dell’appassionante “Eye Of The Storm” e l’impatto melodico ed elegante di “Cruel Intentions”? La rock ballad “We Will Meet Again” mostra il lato più catchy all’interno del full-length in questione ed il finale ci regala un autentico highlight quando si arriva alla titletrack, pezzo esaltante e capace di trasmettere vibrazioni positive anche grazie ad un ritornello intenso e profondo.
“We Will Ride” è un album compatto come pochi; possiamo tirare un sospiro di sollievo ed affermare con certezza che i cambiamenti all’interno della line-up non hanno intaccato la qualità della musica firmata dagli Inglorious. Per i rocker sempre alla ricerca di buona musica la band inglese è un’autentica certezza, uno di quei gruppi su cui si può sempre contare ed in questo periodo dove (anche al di fuori della musica) regna tanta incertezza, questo non é poco!

TRACKLIST

  1. Tracklist:
  2. She Won't Let You Go
  3. Messiah
  4. Medusa
  5. Eye Of The Storm
  6. Cruel Intentions
  7. My Misery
  8. Do You Like It
  9. He Will Provide
  10. We Will Meet Again
  11. God Of War
  12. We Will Ride
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.