INNERO – ChaosWolf

Pubblicato il 01/03/2019 da
voto
7.5
  • Band: INNERO
  • Durata: 00:38:09
  • Disponibile dal: 27/01/2019
  • Etichetta: Third I Rex
  • Distributore:

E’ un debutto con molte anime questo dei bolognesi Innero, e si sente dalle diverse sfaccettature che si spalmano sui quaranta minuti di “ChaosWolf”. Un black metal a tutto tondo, con toni prettamente epici, che sa bene inserirsi anche in contesti in cui la parolina ‘metal’ svetta quasi di più che ‘black’, come nella tiratissima opener “Among Wolves”, tra riff e una possenza quasi thrash nelle nelle intenzioni: un intento che viene poi, invece, sovvertito già con la marzialità più consona di un nero scandinavo più tradizionalista da parte di “Shaman”, che porta il riffing a divenire mezzo piuttosto che a fine: una traccia black metal evocativa e crudele, dove il complesso conta di più del singolo passaggio. Sembrano aver voluto mostrare queste due facce all’inizio del disco, gli Innero, per poi permettersi di fonderle nei brani successivi, in un continuo chiaroscuro tra le due anime espressive, che comunque restano sotto i rassicuranti lumi dell’oscura fiamma, creando così un viaggio epico che ci ricorda in qualche modo gli Ulver dei primi tre album come approccio (e ci viene da domandarci se il titolo dell’album sia casuale).
Formato da membri di Malnatt e Bland Vargar, gli emiliani non sono gli ultimi arrivati sul campo, e lo dimostrano con delle composizioni intelligenti che si contorcono e che sanno stupire ad ogni giro d’angolo, ricordando certi grandi fari scandinavi, la cui ombra resta sempre presente, pur non disdegnando qualche innesto più orrorifico che porta alla mente qualche ghigno alla Death SS, particolarmente nell’interpretazione di Alces, a volte cangiante quasi inconsciamente dal canonico screaming ad un cantato teatrale e liturgico e altre volte ancora in declamazioni morbose di reminiscenza più pagan che black (“Alone” ne è un esempio), ricordando in alcuni momenti anche certi passaggi dei Primordial, con una chiusa di disco atmosferica – benché un po’ frettolosa – nella sua essenza di sola chitarra, e ancora ci vengono in mente certi lupi norvegesi.
Buon inizio dunque per la band italiana, che con questo “ChaosWolf” scrive il proprio nome nella lista dei quelli da tenere d’occhio per questo 2019.

TRACKLIST

  1. Among Wolves
  2. The Shaman
  3. Unbowed, Unbent, Unbroken
  4. Durum in Armis Genus
  5. Alone
  6. Open Eyes
  7. Under the Moon We Gather
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.