INTO COFFIN – Unconquered Abysses

Pubblicato il 29/11/2019 da
voto
7.5
  • Band: INTO COFFIN
  • Durata: 01:15:05
  • Disponibile dal: 29/11/2019
  • Etichetta: Terror From Hell Records
  • Distributore:

La ricerca dell’estremismo è una costante nel repertorio degli Into Coffin, che dal 2015 vanno a inseguire nei meandri dei mondi death, black e doom metal le soluzioni più pesanti e brumose, per dare vita a composizioni sempre più estenuanti e tiranniche. I quattro brani del nuovo “Unconquered Abysses” vanno ad illustrare programmaticamente l’attitudine della band tedesca, capace di sfornare due tracce di quattordici minuti e due monoliti che addirittura superano i ventitré, per una durata complessiva di un’ora e un quarto. Un magma nerissimo, testimonianza sincera e senza alcuna sovrastruttura della temerarietà del gruppo, che qui senza dubbio propone il suo materiale più intenso e sfibrante. In questo secondo full-length, gli Into Coffin superano ogni limite a livello di fervore, spaziando tra rallentamenti solenni e violenti attacchi in episodi lunghissimi dove il succitato ibrido death/black/doom viene ulteriormente rielaborato per diventare il mezzo migliore per sfogare la propria frustrazione e per affermare la propria ambizione. Variegata, eppure coesa nelle atmosfere e nei cambi di registro, nonché spesso trainata da riff che vanno piacevolmente per l’impatto più diretto, la musica di “Unconquered…” possiede un’intensità, un’urgenza e una sincerità rimarchevoli: per allestire tracce tanto lunghe il gruppo ricorre appunto a diverse soluzioni, variando spesso ritmiche e orientamento, tuttavia tali puntuali variazioni non danno mai l’impressione di essere state prese a caso da un altro disco e inserite a forza in questo. Di certo ci si accorge del passare dei minuti, così come risulta difficile negare il fatto che qualcosa qua e là avrebbe potuto essere limata e condensata almeno un po’, ma la resa complessiva dell’opera è comunque convincente: nel loro peregrinare in questo suono saturo di tormento, i tedeschi appaiono assolutamente credibili e a loro agio, come se per loro proprio non esistesse l’idea di strutture più asciutte. Una produzione calda, chiara e potente – senz’altro la migliore della carriera degli Into Coffin – dona infine ulteriore impatto alla performance: potere scandire distintamente il lavoro di chitarra, basso e batteria induce certamente grande vicinanza e muove dunque a una più rapida affezione nei confronti dei brani. Chi ha a cuore le gesta di Esoteric, Incantation, Spectral Voice e Fuoco Fatuo è caldamente invitato a misurarsi con questo concentrato di alienazione.

TRACKLIST

  1. Antediluvian Flames
  2. Unconquered Light of Nothingness
  3. Catacombal Echoes from AB.ZU.
  4. Archetype for the Total Ruin
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.