INVOCATOR – Through The Flesh To The Soul

Pubblicato il 01/11/2003 da
voto
9.0
  • Band: INVOCATOR
  • Durata:
  • Disponibile dal: 27/10/2003
  • Etichetta:
  • Scarlet Records
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

Da un passato buio, oscuro e, almeno per chi scrive, anonimo, arriva a noi oggi un disco semplicemente eccezionale! Dal passato perché, vi chiederete voi? Ma perché i danesi Invocator non sono assolutamente un gruppo di primo pelo: nati sul finire degli anni ’80, prima per la Black Mark e poi per la Die Hard, i quattro hanno realizzato ben tre album e suonato con alcuni fra i più importanti gruppi di metallo estremo degli anni ’90 (fra i nomi maggiormente di spicco, citeremmo Entombed, Edge Of Sanity, Sepultura e Dark Angel); purtroppo, però, in seguito alle solite divergenze musicali, la band si sciolse nel 1995. Ebbene, a sei anni di distanza dallo split-up, esattamente nel 2001, il leader del gruppo, nonché cantante/chitarrista, Jacob Hansen, cominciò a scrivere canzoni aiutato dall’ex-Autumn Leaves Flemming C. Lund: gli Invocator, in breve tempo, rividero così la luce, con la line-up completata dal bassista originario, Carsten Mikkelsen, e dall’ex-drummer dei Withering Surface Jakob Gundel. Ed ora, eccoci qua a commentare l’ottima rentrée discografica del combo in questione: a partire dal titolo, “Through The Flesh To The Soul”, si capisce come l’album sia particolarmente complesso ed articolato, pesantissimo e tecnicamente senza sbavature! Non ci vuole molto ad identificare il genere proposto dagli Invocator: thrash…quello con la T maiuscola però! Il thrash che, partendo da sonorità datate, viene reinterpretato attraverso nuove influenze, rendendo il tutto una lezione di maestria e tecnica che, opinione personale, attualmente ha pochi rivali. Per cercare di rendere bene l’idea della bellezza di questo disco, potremmo affermare che l’ultimo lavoro targato Nevermore, “Enemies Of Reality”, impallidirebbe totalmente davanti alla freschezza del songwriting degli Invocator e di fronte alla perfezione dei riff contenuti in “Through The Flesh To The Soul”. Riff che chiamano in causa certamente anche il combo di Seattle, ma che riescono ad essere decisamente più immediati, più incisivi, più massicci. E poi perché non nominare anche gli ultimi Testament e i Meshuggah quali moderne influenze dei nuovi  Invocator? Alcune parti cadenzate ricordano alla perfezione i gruppi citati, pur non avendo né l’approccio al limite del death dei primi, né l’originalità ritmica dei secondi. Perfetta e precisa nei minimi particolari è la resa sonora di “Through The Flesh To The Soul” e veramente impeccabile è la performance vocale di Hansen, aggressivo quanto basta (senza mai sfociare nel growl, comunque) nei momenti più cattivi, alla ricerca della migliore soluzione melodica quando si tratta di impostare i chorus, quest’ultimi mai banali e poco orecchiabili (escluso, diremmo, quello del brano “Flick It On”, il più cantabile di tutti). I sette minuti iniziali della title-track sono un inizio più che promettente e nei restanti tre quarti d’ora si viene letteralmente ipnotizzati dalle elaborate strutture dei pezzi, nonché dagli assoli penetranti di Lund, parte immancabile in ogni disco thrash che si rispetti. Il premio quale miglior brano se lo aggiudica la breve “Fire Cleanses All”, con i suoi cambi di tempo improvvisi e lo stupefacente riffing, mentre “The Chemistry Of Restlessness” avvelena l’animo con il suo sinistro andamento, sfociante in parti vocali ariose e coinvolgenti. La conclusiva “Sand Between The Teeth” è una mini-suite metallica che pone fine alle ostilità, decretando la completa vittoria degli Invocator sui nemici. Un must obbligatorio per chiunque si reputi metallaro! Se auspicavate il tanto atteso ritorno del thrash con le vostre più fondate speranze, be’, forse questa volta sarete accontentati…per cui, fate vostra questa release a tutti i costi! Album massiccio, inossidabile e che rimarrà nel tempo. 

TRACKLIST

  1. Intro
  2. Through The Flesh To The Soul
  3. Writhe In Spit
  4. On My Knees
  5. Flick It On
  6. Infatuated I Am ( Speak To Me )
  7. There Is No Savior
  8. The Chemistry Of Restlessness
  9. Under The Skin
  10. Fire Cleanses All
  11. Sand Between The Teeth
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.