IRON MAIDEN – Rock in Rio

Pubblicato il 29/03/2002 da
voto
6
  • Band: IRON MAIDEN
  • Durata:
  • Disponibile dal: //2002
  • Etichetta:
  • Distributore:

Gli Iron Maiden sono considerati dalla maggior parte dei metallari il gruppo “intoccabile” per eccellenza, e quei pochi che gli negano lo status di “portabandiera” dell’Heavy Metal mancano probabilmente di memoria storica e di riconoscenza nei confronti di un gruppo che certe sonorità le ha create da zero. Fatta questa dovuta premessa, voglio subito chiarire una cosa: Rock in Rio è un album tutt’altro che fondamentale all’interno della discografia di Harris & Co. A parte l’inedita versione a tre chitarre della band, c’è veramente poco in questo doppio live che possa giustificare una spesa veramente ESAGERATA, a meno che non riteniate la pacchiana copertina “olografica” una buona ragione per sborsare più di 30 Euro. Intendiamoci, la registrazione di un concerto tenuto dalla Vergine non sarà mai un prodotto “scarso”, il fatto è che ogni uscita di questo tipo si trova gioco forza a fare i conti con quello che è unanimemente ritenuto uno dei migliori live della storia: Live After Death. E in questo caso il confronto, lasciatemelo dire, è davvero impietoso. A cominciare da un fattore fondamentale come la scaletta: inserendo sei-brani-sei provenienti dall’ultimo disco (discreto, ma di certo non meritevole di una tale rappresentanza), i nostri hanno disgraziatamente deciso di sacrificare al limite la tracklist, trovandosi costretti ad escludere veri e propri capolavori che indubbiamente i fan avrebbero gradito mille volte di più di una lunghissima e noiosa Blood Brothers, tanto per fare un esempio. La cosa non sorprende, viste le tendenze spiccatamente “promozionali” assunte dagli ultimi show della band, ma per un concerto destinato a finire su supporto digitale si poteva anche optare per una scelta più equilibrata. Per il resto ci troviamo di fronte ad una buona testimonianza di quello che sono gli Iron Maiden oggi, a 2002 inoltrato: una band ancora solida e vitale, autrice di una performance di indubbio livello e capace di coinvolgere un pubblico mostruoso facendogli cantare ogni coro ed ogni ritornello, come solo i grandi sanno fare. Peccato che il tutto sia un po’ inquinato da una produzione non impeccabile (qualche suono “fuori scena” di troppo, chitarre eccessivamente amalgamate), e che le due bonus track multimediali perdano completamente di significato se si considera l’imminente uscita del DVD contenente l’intera registrazione del concerto. Tutto questo lo diciamo ovviamente con la consapevolezza che niente e nessuno potrà fermare un fan dei Maiden deciso ad acquistare il loro ultimo disco; fate attenzione però, chi compra Rock in Rio senza prima possedere Live After Death è passibile di denuncia penale!

TRACKLIST

  1. Intro
  2. The Wicker Man
  3. Ghost Of The Navigator
  4. Brave New World
  5. Wrathchild
  6. 2 Minutes To Midnight
  7. Blood Brothers
  8. Sign Of The Cross
  9. The Mercenary
  10. The Trooper
  11. Brave New World (Enhanced Video)
  12. Dream Of Mirrors
  13. The Clansman
  14. The Evil That Men Do
  15. Fear Of The Dark
  16. Iron Maiden
  17. The Number Of The Beast
  18. Halloweed Be Thy Name
  19. Sanctuary
  20. Run To The Hills
  21. A Day In The Life (Enhanced Video)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.