IRON REAGAN – Crossover Ministry

Pubblicato il 31/01/2017 da
voto
7.0
  • Band: IRON REAGAN
  • Durata: 00:28:48
  • Disponibile dal: 03/02/2017
  • Etichetta: Relapse Records
  • Distributore: Audioglobe

Il nuovo album degli Iron Reagan non aggiunge nulla al discorso, semmai lo attualizza, lo amplifica, lo espande in questa continuazione di un progetto (side, di fatto) nato un pugno di anni fa e che ha saputo attecchire piuttosto bene. Cosa vuol dire? Vuol dire che oramai abbiamo una certa sicurezza nell’aprire un nuovo dischetto dei nostri amici di Richmond, sappiamo più o meno cosa aspettarci ma soprattutto cosa non aspettarci: non troveremo chissà quale evoluzione, non ammireremo chissà quale composizione astrusa né chissà quale complesso arrangiamento. E infatti non ne troviamo traccia: quello che hanno saputo raggiungere gli Iron Reagan è uno status di bandiere viventi di un crossover che una volta tendevamo ad associare a, un nome su tutti, gli S.O.D., e ben lo sanno anche loro… è proprio questa consapevolezza che lascia un po’ deviare i ragazzi verso qualche pezzo di troppo, o meno piacevole degli altri, in “Crossover Ministry”, ma ci arriveremo. Quel che è vero è che gli Iron Reagan vogliono che si sappia cosa c’è nei loro dischi, che già al terzo ascolto ci si senta parte della festa e ci si senta a casa riconoscendo “A Dying World” o “Power Of The Skull” piuttosto che quel compendio sul buon vicinato che è “Fuck The Neighbors” o ancora i sette bellissimi secondi di “Parents Of Tomorrow”. “Crossover Ministry” è un disco molto buono se lo prendete come si deve prendere, e si gli Iron Reagan già vi piacciono (e di conseguenza i Municipal Waste o i D.R.I. o i Nuclear Assault, fari imprescindibili) vi piacerà anche questo nuovo lavoro, in cui Tony Foresta la fa da padrone più che mai con la sua ugola al vetriolo e dove i riff sono grassi e punk come si conviene, con una produzione egregia e che rende a dovere. C’è anche qualche cosa che non va, e quasi ad averlo intuito la band relega i pezzi meno vibranti verso la fine del disco, dove in effetti l’attenzione (va be’, chiamiamola attenzione) va scemando (parliamo di momenti come “Megachurch” o “Dogsnotgods”, descrivibili con un ‘meh!’), ed è tangibile una certa differenza con il primo lato dell’album; piccole carenze che probabilmente non inficiano né più di tanto l’esperienza di ascolto (siamo pur sempre a diciotto canzoni per ventotto minuti, non saranno tre-quattro a rovinare il disco) né gli Iron Reagan stessi, ma certo fanno sì che “Crossover Ministry” sia un disco più che buono e divertente, ma tutto qui, per quanto questa sia una band a cui noi vogliamo bene a prescindere. Ovviamente sapete benissimo a cosa si va incontro, quindi magari non un disco per i palati più fini, ecco, né un’esperienza nuova, però di certo appagante per gli amanti, e poi dal vivo sarà, come sempre, una vera festa. Ah, e per essere chiari: a noi va benissimo così.

TRACKLIST

  1. Reagan
  2. Type:
  3. Full-length
  4. Release date:
  5. February 3rd, 2017
  6. Catalog ID:
  7. RR73572
  8. Label:
  9. Relapse Records
  10. Format:
  11. CD
  12. Reviews:
  13. None yet
  14. Songs
  15. Lineup
  16. Other versions
  17. Reviews
  18. Additional notes
  19. A Dying World
  20. You Never Learn
  21. Grim Business
  22. Dead with My Friends
  23. No Sell
  24. Condition Evolution
  25. Fuck the Neighbors
  26. Power of the Skull
  27. Crossover Ministry
  28. More War
  29. Blatant Violence
  30. Parents of Tomorrow
  31. Bleed the Fifth
  32. Megachurch
  33. Shame Spiral
  34. Dogsnotgods
  35. Eat or Be Eaten
  36. Twist Your Fate
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.