ISOLE – Silent Ruins

Pubblicato il 21/03/2009 da
voto
6.5
  • Band: ISOLE
  • Durata: 00:53:50
  • Disponibile dal: 27/02/2009
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

A poco più di un anno di distanza dal precedente “Bliss Of Solitude” tornano a farsi sentire gli svedesi Isole. Sempre patrocinati dalla Napalm, i ragazzi con questo “Silent Ruins (Redemption part 1)” continuano sulla strada intrapresa in passato, con la sola sostanziale differenza che le sonorità epicheggianti stavolta sono presenti in dosi piuttosto generose. La band infatti, pur non rinunciando alla propria base di doom malinconico, inietta robuste dosi di epic metal mutuato da Warlord, Falconer, Tyr e, a livello chitarristico, persino Doomsword. Purtroppo però anche stavolta agli Isole manca quel guizzo vincente, quel quid che ha reso grandi le formazioni appena citate; ci dobbiamo quindi accontentare di un platter di discreto epic doom, all’interno del quale si raggiungono vette di tensione e di lirismo davvero alte, accoppiate però a dei cali di tensione dei quali i nostri hanno sempre sofferto. Notevole la doppietta iniziale composta da “From The Dark” e “Forlorn”: la prima, della durata di undici minuti abbondanti, è uno specchio fedele delle potenzialità che gli svedesi possono esprimere, soprattutto nei frangenti più melodici ed accessibili, mentre la seconda è un dichiarato omaggio al passato (infatti la band prima si chiamava proprio Forlorn). In entrambi i casi l’afflato epicheggiante riesce a sposarsi in maniera ottimale con il doom di scuola Candlemass ed il risultato finale è un piacere per le orecchie. La successiva “Nightfall” tributa pedissequamente la band di Leif Edling, mentre “Hollow Shrine” mette in luce una vena malinconica, sulla falsariga di quanto fatto nel lavoro precedente. “Soulscarred” è poco più di un filler dove la band si limita a svolgere il compitino, mentre la conclusiva “Dark Clouds” si segnala per degli inserti doom death non particolarmente riusciti, soprattutto a causa del singer Daniel Bryntse, dotato di una buona ugola ma di un growling piuttosto fiacco. Il discorso per gli Isole è sempre lo stesso: sono un buon collettivo al quale però manca lo spunto vincente. Se solo riuscissero a trovare la quadratura del cerchio il risultato finale sarebbe a dir poco eccellente; per ora invece si limiteranno a fare la gioia dei fanatici delle sonorità doom maggiormente epicheggianti.

TRACKLIST

  1. From The Dark
  2. Forlorn
  3. Nightfall
  4. Hollow Shrine
  5. Soulscarred
  6. Peccatum
  7. Dark Clouds
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.