IVAR BJØRNSON & EINAR SELVIK – Hardanger

Pubblicato il 14/11/2021 da
voto
8.0

Spotify:

Apple Music:

Quando la musica è connessa in maniera intima e viscerale al territorio di provenienza di chi la suona, essa acquista un potere particolare, derivante dalla stratificazione storica e dal bagaglio culturale accumulato nel corso dei secoli; e quando a cimentarsi in questa ricerca così particolare sono Ivar Bjørnson, compositore e chitarrista degli Enslaved, ed Einar Selvik, aedico mastermind dei Wardruna, i brividi di emozione e suggestione sono assicurati.
I due, dopo aver unito qualche anno fa le forze nel progetto Skuggsjà (per le celebrazioni dei duecento anni della costituzione norvegese), tornano con una nuova uscita: un brevissimo EP – neanche dieci minuti – con due canzoni. La prima, “Hardanger”, con le proprie atmosfere ancestrali capaci di trasportare l’ascoltatore indietro nel tempo a suon di pulsazioni ritmiche, voci ipogee e arpe scaldiche, racconta la commistione di popoli ed idee che diedero origine alla nazione norvegese, ed è quella chiaramente più vicina al modo di concepire la musica dei Wardruna (anche per le cristalline incursioni vocali di Lindy-Fay Hella); “Heim til Yggdrasil” invece è una reinterpretazione di “Return to Yggdrasil” degli Enslaved in cui, pur mantenendo l’inconfondibile aura riflessiva e astratta che col tempo è andata a costituire la spina dorsale nella musica dei nostri, un’atmosfera più raccolta e ieratica prende il posto della vena metal nella canzone, invitandoci a seguire vie tracciate da passi millenari.
Tutto bellissimo, insomma, come ben ci hanno abituati i due musicisti – eppure tutto troppo breve, sfuggente: due soli brani di minutaggio ridotto ci sembrano un po’ pochi anche per un EP, ma tant’è. Se come noi siete rimasti con l’amaro in bocca a fine ascolto e volete smarrirvi, in quest’autunno crepuscolare, tra le note mistiche di un tipo di musica (sì scevra da legami con la quotidianità più contingente, ma unita da un ricamo mirabilmente eseguito con il metal estremo), vi consigliamo di recuperare l’intera produzione del duo norreno.

TRACKLIST

  1. Hardanger
  2. Heim til Yggdrasil
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.