JUPITERIAN – Terraforming

Pubblicato il 01/12/2017 da
voto
6.5
  • Band: JUPITERIAN
  • Durata: 00:38:45
  • Disponibile dal: 15/11/2017
  • Etichetta: Transcending Obscurity
  • Distributore:

“Terraforming” succede di due anni il debutto degli Jupiterian “Aphotic”, eppure sembra che l’entità brasiliana abbia elaborato non poco il proprio discorso nel giro di questo breve lasso di tempo. La base recondita del loro suono poggia ancora solidamente su un doom/sludge stentoreo e dall’andamento solenne, coadiuvato da un suono di chitarra massiccio al punto giusto nel sorreggere i lunghi momenti di pausa tra una pennata e l’altra e chiara testimonianza di ricerca accurata nella resa generale della band. A stemperarne la gravità interviene però un senso melodico piuttosto complesso che, dividendosi tra esperienze più canoniche ed altre maggiormente dissonanti, agguanta il mood generale del platter donandogli un sapore atmosferico ed a tratti indefinibile. Elementi differenti, che vengono effettivamente gestiti dai quattro in maniera non troppo omogenea, considerato lo stacco sempre percepibile tra le varie anime della loro proposta. Idealmente, la tracklist si dividerebbe in due momenti distinti – Foundation/Empire – a rappresentare una sorta di ascesa lungo il percorso, ma in realtà ogni brano presenta al suo interno questo scisma marcato tra catatonici rallentamenti al limite del funeral, con arpeggi discordanti dall’impatto disorientante che pur aumentando il carico di orrore della portata, rischiano di stridere in alcuni passaggi. A risaltare comunque, è l’ambient malato e disturbato che aleggia perennemente su tutte le composizioni e trova il suo libero sfogo nella misteriosa titletrack, realizzata da Mories degli Gnaw Their Tongue che si è occupato anche del mix dell’album, presenza fastidiosa che attira però nella trappola a morsa lenta del combo brasiliano. Va reso merito alla personalità definita di una band che cammina sulle proprie pachidermiche gambe senza troppo rendere omaggio alle similari realtà del Vecchio e del Nuovo continente, unicum stilistico in questi settori geografici che ha provato ad interpretare in modo proprio un incrocio tra doom, sludge ed atmospheric black metal che suoni torbido ed intossicato, riuscendo in questo con altalenante qualità. Manca, in definitiva, l’elemento che consenta di considerare davvero geniale l’operato degli Jupiterian, consegnandoci un lavoro estremamente curato nei suoi dettagli, tanto estetici quanto musicali, ed ‘autonomo’ nello stile, ma ancora lontano da un pieno raggiungimento rispetto ai reali intenti dei suoi creatori.

TRACKLIST

  1. Matriarch
  2. Unearthly Glow
  3. Forefathers
  4. Terraforming
  5. Us And Them
  6. Sol
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.