KADAVAR – Modern Visions Of Human Madness

Pubblicato il 18/03/2008 da
voto
6.0
  • Band: KADAVAR
  • Durata: 00:17:23
  • Disponibile dal: 18/03/2008
  • Etichetta:
  • Distributore:
Far iniziare un demo con “Zombie Ritual” dei Death, per giunta eseguita per bene, è un’ottima maniera per predisporre bene l’ascoltatore. I primi quattro minuti di questa “moderna visione della follia umana” scivolano via piacevolmente, come del resto la parte seguente del demo. “Fear And Leathing” cerca di muoversi sulle stesse coordinate stilistiche dei mostri sacri. Sono numerosi i break che lasciano spazio ai singoli strumentisti, ora per assoli di chitarra o per parti di basso in perfetta solitudine. La successiva “Abhorrence And Diseases“ parte con un duetto di chitarra basso che poi sfocia in un ritmo molto groove ma sempre con tinte di death metal estremo, specie a livello vocale. “Inside Violence” segue lo stesso schema, qualche accelerazione per poi assestarsi su tempi più ragionati. Non sono mai troppo veloci i Kadaver, viaggiano sempre su velocità controllate ma si capisce che il meglio di loro lo danno nei break quando i riff si fanno serrati. Buon demo, che raggiunge ampiamente la sufficienza, da migliorare la registrazione però, ancora troppo a livello amatoriale per poter così ambire al sospirato salto di qualità.

TRACKLIST

  1. Zombie Ritual (Death Cover)
  2. Fear And Leathing
  3. Abhorrence And Diseases
  4. Inside Violence
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.