KALEDON – Carnagus – Emperor Of The Darkness

Pubblicato il 25/05/2017 da
voto
7.5
  • Band: KALEDON
  • Durata: 00:43:16
  • Disponibile dal: 15/05/2017
  • Etichetta: Sleaszy Rider Records
  • Distributore:

Che gusto c’è a scrivere sempre qualcosa sui buoni quando si può scrivere un disco sui cattivi? Dev’essere questa la domanda che è frullata in testa a Alex Mele, mastermind degli ormai quindicennali Kaledon che, a 3 anni di distanza da “Antillius: The King Of The Light”, tornano sulle scene con questo “Carnagus – Emperor Of The Darkness”. Come potrete intuire dai titoli dei dischi, dunque, se nel primo si esplorava lo yin del nuovo concept scritto dal chitarrista romano, qui si esplora ampiamente lo yang, in una atmosfera che come al solito pesca a piene mani da quell’entroterra power metal rhapsodiano a cui tanto siamo abituati. A proposito delle tematiche trattate nel disco anche la copertina, affidata alle sapienti matite di Jean-Pascal Fournier (già al lavoro con Elvenking ed altri nostri connazionali) è diametralmente opposta a quella disegnata da Felipe Machado (autore delle cover per ormai mezzo mondo power metal, dagli Iron Savior ai Blind Guardian) per il disco precedente. In sella con il nostro, a cavalcare contro le legioni di non morti, troviamo i musicisti che accompagnano questa avventura da tanti anni: Tommy Nemesio alla chitarra ritmica; Paolo Lezziroli al basso e Paolo Campitelli alla tastiera. Invece le new entry che sin da subito si fanno sentire con prepotenza sono l’ugola d’oro di Michele Guaitoli, subentrato dopo l’uscita di Marco Palazzi (che è andato a fondare i Sailing to Nowhere), e il batterista Manuele di Ascenzo. L’influenza di questo cambio di line up è immediatamente udibile sin da “The Beginning Of The Night”: le canzoni sono molto, molto più dure rispetto al lavoro precedente, così come si sente benissimo una virata verso un power meno orchestrato e più oscuro. Il lavoro di Campitelli alla tastiera, infatti, cambia diametralmente direzione rispetto alla storia di speranza di Antillius, intoducendo delle atmosfere mai troppo solenni, mentre le chitarre e la voce di Guaitoli si prendono un posto di tutta rilevanza, diventando il motore trainante di questo concept. Prendete solo un pezzo come “Evil Witch” e confrontatelo con l’album precedente: l’influenza del power tedesco e svedese qui è assolutamente innegabile, seppur si parta sempre da una base metallica genuinamente mediterranea, mentre il pezzone da singolo lo troviamo in “The Two Bailouts”, con il miglior chorus di tutto l’album e un bellissimo stacco ritmico prima dello spazio dedicato ai solo. È da citare anche “Telepathic Messages”, dove, con la scusa di impersonare una voce che parla alla persona seduta sul trono del Signore Oscuro, viene reclutato dietro al microfono James Miles degli Hostile, con uno scream che aggiunge parecchi punti a questo avvio verso il finale dell’album. Tutto si chiude con “The End Of The Undead”, dove si narra la sconfitta di Carnagus da parte delle forze del bene dell’universo creato da Alex Mele. È interessante notare come proprio in questo pezzo i toni duri che abbiamo ascoltato per tutto l’album si attenuino per lasciar spazio alle influenze mediterranee, dando all’ascoltatore un vero e proprio senso di cambiamento e di speranza dopo mezz’ora passata nel regno del terrore del Signore dei Non Morti. L’unico neo di questo album è la mancanza di una profondità del suono: passa tutto in un attimo, quasi come se avessimo ascoltato poche cose, e fatica (a parte la sopracitata “The Two Bailouts”) a stamparcisi in testa come succedeva col power d’altri tempi. Diciamo comunque che una cosa del genere è assolutamente irrilevante e scusabile per una band che calca da così tanti anni le scene: se vi piacciono i concept power potreste avere una piacevole sorpresa da questo nuovo disco dei Kaledon, che spazia davvero tra molte sonorità e riesce anche a trasmetterci molto bene le atmosfere della storia nella quale il combo italico ci accompagna.

TRACKLIST

  1. Tenebrae Venture Sunt
  2. The Beginning Of The Night
  3. Eyes Without Life
  4. The Evil Witch
  5. Dark Reality
  6. The Two Bailouts
  7. Trapped On The Throne
  8. Telepathic Messages
  9. Evil Beheaded
  10. The End Of The Undead
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.