KAMELOT – Epica

Pubblicato il 12/01/2003 da
voto
6
  • Band: KAMELOT
  • Durata:
  • Disponibile dal: //2003
  • Etichetta: Noise records
  • Distributore: Self

Ultimamente certe mosse pubblicitarie tipiche delle colossali produzioni cinematografiche hollywoodiane si stanno riflettendo anche in ambito musicale. Certi dischi infatti, iniziano ad essere “pompati”, presentati come una sorta di capolavoro già a partire da diversi mesi prima dell’uscita sul mercato, ed “Epica”, il nuovo disco dei Kamelot, è proprio un esempio lampante di questa teoria. Il ‘pompare’ troppo un disco crea sì attesa di poterlo ascoltare, ma dall’altro lato della medaglia nasce una serie di aspettative in genere molto alte…e poco ci vuole per non soddisfarle! Ebbene, ‘Epica’ dopo tutto questo trambusto ha rappresentato per il sottoscritto una mezza delusione! Certo, il successore di ‘Karma’ è un album ben suonato, ben arrangiato e con pezzi sicuramente validi, ma dice poco o nulla di nuovo rispetto al suo predecessore! Come sempre il compito di aprire le danze è affidato ad una tipica power metal song molto orecchiabile e dalle parti di chitarra catchy e ruffiane che introducono un brano in puro stile Kamelot, ovvero cambi di tempo, struttura che sconfina in lidi progressive ed un cantato fantastico! Già, è sempre lui, Roy Khan, a dare una marcia in più alla band, la sua voce calda e passionale trasmette grandi emozioni che riescono ad enfatizzare ancora di più il concept narrato nei sedici brani del disco! Non mancano sperimentazioni di sonorità particolari, questa volta argentine (come ci spiega proprio Thomas Youngblood), e l’uso di strumenti atipici come la fisarmonica, vedi il brano “Lost & Damned”. Nulla da eccepire nemmeno alla magica coppia Sascha Paeth-Miro, autori della produzione di ‘Epica’, capaci di creare un suono pulito e cristallino semplicemente perfetto per la musica dei Kamelot, quello che potrebbe essere migliorato è proprio il song-writing. Più di una volta i pezzi ricordano i vecchi ‘Karma’ o ‘The Fourth Legacy’, Thomas Youngblood non è riuscito a raggiungere gli ottimi livelli di composizione apparsi in passato sui lavori della band, penalizzando non poco un concept interessante come quello ispirato al ‘Faust’ di Goethe. Che altro aggiungere, se non che ‘Epica’ è sì un disco più che sufficiente, ma, se rapportato al passato più recente dei Kamelot, perde qualsiasi tipo di paragoni, non c’è pubblicità che tenga…

TRACKLIST

  1. Prologue
  2. Center Of The Universe
  3. Farewell
  4. Interlude I
  5. The Edge Of Paradise
  6. Wander
  7. Interlude II
  8. Descent Of The Archangel
  9. Interlude III
  10. A Feast For The Vain
  11. On The Coldest Winter Night
  12. Lost & Damned
  13. Helenas Theme
  14. Interlude IV
  15. The Mourning After
  16. III Ways To Epica
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.