KATAKLYSM – Waiting For The End To Come

Pubblicato il 18/10/2013 da
voto
6.0
  • Band: KATAKLYSM
  • Durata: 00:45:00
  • Disponibile dal: 25/10/2013
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

Undicesimo album in oltre vent’anni di attività per i canadesi Kataklysm, band che oramai potremmo definire un usato sicuro nel death metal, complice anche l’endorsement della Nuclear Blast Records. Il gruppo, a giudizio di chi scrive, è in declino da anni, ne consegue che l’approccio al giudizio di questo “Waiting For The End To Come” è stato timoroso, come a sentirsi in colpa di una nuova stroncatura nonostante il seguito di cui la band gode. Chi scrive ha flirtato a lungo con la band di Maurizio Iacono, prima fra quelle death metal a dotarsi di un suono di chitarra devastante quando altri gruppi arrancavano negli studio. I primi album poi sono notevolissimi, e anche i primi fra quelli che hanno abbracciato la svolta melodica sono meritevoli della nostra attenzione. Poi il guaio della ripetizione, unitamente alla perdita di ispirazione, hanno fatto precipitare il gruppo nell’oblio. Ma veniamo a questo lavoro. A confortare l’ascolto c’era la notizia dell’innesto del nuovo batterista, Oli Beaudoin, già nei Neuraxis e che ha portato una ventata d’aria nuova stando alle dichiarazioni di Iacono. L’inizio del disco ci ha sorpreso, facendoci riassaporare il gusto di ascoltare i Kataklysm in vena. Sono tutte di buon livello tracce come la veloce “Fire”, scritta appositamente per aprire l’album”, o la hit “If I Was God – I’d Burn It All” che bilancia perfettamente parti veloci a parte melodiche, il trademark che il gruppo ha deciso di adottare dopo la svolta dei primi due album. Si prosegue bene con “Like Animals”, brano dove la verve è ottima, carico di groove e parti di doppia cassa dall’impatto molto diretto. Altro brano tritaossa, tutto blast-beat, è “Kill The Animals” dove il singer Iacono si produce nella classica alternanza growl-scream. Fin qui i brani migliori, sugli altri il giudizio è interdetto. Eccessivamente melliflue per un gruppo come i Kataklysm alcune parti di un pezzo come “Under Lawless Skies”, lo stesso dicasi per la seguente “Dead & Burned”, brani che hanno i classici connotati (groove, growl) in alcune parti ma che in altre non sembrano Kataklysm. Si prosegue così, con l’aggravante della mancata ispirazione per la seconda parte del disco (eccezion fatta per “The Promise”), ne consegue una sufficienza di mestiere, media esatta fra il 7 di alcuni brani e il 5 di altri, per una stasi in casa Kataklysm che perdura oramai da troppo tempo.

TRACKLIST

  1. Fire
  2. If I Was God - I'd Burn It All
  3. Like Animals
  4. Kill the Elite
  5. Under Lawless Skies
  6. Dead & Buried
  7. The Darkest Days of Slumber
  8. Real Blood - Real Scars
  9. The Promise
  10. Empire of Dirt
  11. Elevate
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.