KING DUDE – Music To Make War To

Pubblicato il 30/08/2018 da
voto
8.0
  • Band: KING DUDE
  • Durata: 00:45:00
  • Disponibile dal: 24/08/2018
  • Etichetta: Van Records
  • Distributore:

King Dude è tornato. E anche stavolta ha portato con sé un lavoro di fattura non meno che ottima, visto che fare un disco brutto è qualcosa di cui il cantautore americano (creatura mitologica metà parroco, metà Bukowski) sembra non essere proprio capace.
Con “Music To Make War To”, TJ Cowgill scrive una sorta di fenomenologia in musica della tendenza umana al conflitto, folle e distruttivo, ma anche terapeutico, perfino catartico.  Il linguaggio è quello di sempre, ma il lessico è nuovo, fresco e convincente. Tra le consuete cortine di fumo, “Music To Make War To” lascia intravvedere sprazzi di una cupa, inquietante leggerezza; e se da un lato compendia tutto quello che sappiamo del Re, dall’altro ce lo mostra da una prospettiva per molti versi rinnovata.
Pur fedele ad alcune costanti del suo songwriting, Cowgill sembra essersi voluto tenere, stavolta, più vicino all’ultimo Nick Cave che a Johnny Cash; più nell’area della new wave e di un certo blues apocalittico, che sul campo rock/folk sul quale lo abbiamo visto giocare – e andare immancabilmente a segno – in passato. Ma non solo. Cowgill declina infatti la sua cifra compositiva in un sorprendente carosello dark: se “Time To Go To War” e “Twin Brother Of Jesus” sono sensibilmente imparentate con Cave, “The Castle” lambisce le sponde dell’alternative; Dude è un crooner infernale su “Good And Bad”, con il sax e la voce di Josephine Olivia ad aumentare il carico di torbida sensualità, ma si riscopre rocker malinconico di ispirazione goth-ottantiana su “Dead On The Chorus” e “I Don’t Write Love Songs Anymore”. Insomma, si fa presto a dire “neo folk”.
Certo, “Music  To Make War To” potrebbe aprire un capitolo più radio-friendly della produzione di King Dude, in cui la sua verve luciferina potrebbe mostrare un volto quasi amichevole. Ciò non toglie che si tratti di un disco eccellente, che conferma non solo la capacità di Cowgill di scrivere grandi canzoni, ma anche il suo talento nel reinventarsi e cambiare pelle pur restando sempre la stessa, vecchia volpe.

TRACKLIST

  1. Time To Go To War
  2. Velvet Rope
  3. Good And Bad
  4. I Don't Write Love Songs Anymore
  5. Dead On The Chorus
  6. Twin Brother Of Jesus
  7. In The Garden
  8. The Castle
  9. Let It Burn
  10. God Like Me
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.