KING OF ASGARD – Svartrviðr

Pubblicato il 01/06/2021 da
voto
7.5
  • Band: KING OF ASGARD
  • Durata: 00:57:14
  • Disponibile dal: 28/05/2021
  • Etichetta:
  • Trollmusic
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

Il ritorno degli svedesi King Of Asgard, per la scena viking metal, è senza ombra di dubbio uno di quelli importanti. La formazione è rimasta invariata rispetto all’album precedente distante ormai quattro anni, ma stavolta troviamo una band stilisticamente sempre più matura e dal sound introverso. E’ indubbio che un album diretto e devastante come il debut “Fi’mbulvintr” sui fan abbia avuto un impatto maggiore e forse impareggiabile anche per gli stessi King Of Asgard, ma a chi piace andare a scavare nel cuore della musica e trovarvi sentimenti profondi allora troverà in questo nuovo album quello che ci vuole. “Svartrviðr” è imbevuto di storia, mitologia, paesaggi nordici e di tutti quegli elementi che definiscono una release come ‘vichinga’ al di là della musica suonata. A questo manto mistico capace di imprigionare l’ascoltatore e di riportarlo in una dimensione passata ed epica, i King Of Asgard dimostrano una notevole maturazione interiore e del modo di tradurre in musica il proprio concetto di ‘viking’: pochi sono, infatti, i riff o i passaggi superbi e diretti, più spesso questo album ci abitua a ricercare nelle pieghe dei riff e dei vari cambi di tempo quelle sensazioni celate che si snodano in maniera intrecciata durante lo scorrere dei minuti, canzone dopo canzone. Sembra che la supervisione di questa produzione sia stata affidata al dio nordico Loki: l’inganno del quartetto svedese è proprio quello di far sembrare questo lavoro come il classico album viking metal dai canoni triti e ritriti. I ritmi della maggior parte delle canzoni sono i medesimi di quelli che scandivano la vita degli uomini del nord, guerrieri o avventurieri che fossero: “Rifna” o “Hæimr” sono brani forgiati dalla dura legge della Natura del nord e descrivono la vita di un’epoca carica di misteri, misticismo e violenza. Si prova stupore nel sentirsi mettere sulle spalle il mantello di Odino per vagare inosservati all’interno del mondo raccontato con tanta sincerità dai Nostri, eppure la sensazione di entrar a far parte di questo universo avvolto nelle nebbie è un’esperienza che va vissuta. Il salto di qualità effettuato dalla band è evidente sul nuovo “Svartrviðr”, siamo passati ad un livello diverso;  in parte il sentiero stilistico seguito dai King Of Asgard può somigliare a quello intrapreso dagli Enslaved, anche se qui tale percorso è appena iniziato. A questo viaggio ‘sperimentale’ aggiungeteci la fierezza di un gruppo come gli Hades e forse troverete l’attuale dimensione della band guidata da Karl Beckmann. Se invece amate l’immediatezza del sound viking unito allo spirito dei guerrieri estatici e volete ascoltare una musica che vi faccia saltare giù dalla sedia con il furore che vi pervade da capo a piedi, allora continuerete a rimpiangere l’esordio dei Nostri e questo album vi sembrerà incompiuto, se non noioso. Punti di vista, entrambi rispettabili.

TRACKLIST

  1. Frôðr
  2. Rifna
  3. Hæimr
  4. Kvikr
  5. Ammobiærg
  6. Svartrviðr
  7. Harmdauðr
  8. FæigR
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.