KINGDOM COME – Ain’t Crying For The Moon

Pubblicato il 15/11/2006 da
voto
6.5
  • Band: KINGDOM COME
  • Durata: 01:02:40
  • Disponibile dal: 12/11/2006
  • Etichetta: Frontiers
  • Distributore: Frontiers

Non si arrende Lenny Wolf, unico membro rimasto dei Kingdom Come, che ritorna sulle scene –  dopo un paio di lavori francamente inutili, “Perpetual” (2004) e “Indipendent” (2002) – con un nuovo album, suonato, registrato e prodotto interamente da lui.  Chi ha un certa familiarità con l’opera di Lenny Wolf saprà benissimo come dopo un inizio col botto sul finire degli anni ’80, in cui la band raggiunse una popolarità non indifferente, nonostante gli strali della critica che li accusava (non senza ragione) di essere dei cloni dei Led Zeppelin, i Kingdom Come finirono molto presto nel dimenticatoio, condannando il povero Lenny a dei continui cambi di ‘pelle’ per barcamenarsi nel music business. L’evoluzione dei Kingdom Come aveva portato Wolf alla realizzazione di album con un sound più moderno, lontano dalle origini del gruppo, che però non riuscivano davvero a lasciare il segno. Fortunatamente questo nuovo “Ain’t Crying For The Moon” segna un buon passo avanti, riuscendo a recuperare il giusto feeling, pur mantenendo un contesto sonoro assolutamente moderno. Lenny Wolf si rimbocca le maniche e, pur senza firmare un capolavoro, scrive un album energico, variegato e velatamente malinconico: quasi una sorta di canto del cigno da parte di un artista che, probabilmente, non raggiungerà più i fasti di vent’anni fa. Le canzoni di “Ain’t Crying For The Moon” attraversano diverse sensazioni, dalla sardonica carica compressa di “Two Legged Sheep”, passando per “Bon Scott”, un sentito tributo al mai dimenticato cantante degli AC/DC, fino alla bella ballad “Removed The Sting”. Il vero gioiello del disco, comunque, resta la lunga title-track, un bellissimo brano che nei suoi otto minuti abbondanti riesce ad essere davvero ricco di pathos, sia nel suo inizio dolce e cullante di pianoforte, sia nel suo incedere elettrico e malinconico nella parte centrale. Da ascoltare. Infine, giusto per dovere di cronaca, segnaliamo la presenza di una cover di “Across The Universe” dei Beatles, piacevole e ben realizzata, e una nuova versione del classico dei Kingdom Come, “Get It On”. Che altro aggiungere? Come già anticipato, il ritorno dei Kingdom Come forse non ha i numeri per riportare al successo il buon Wolf, però riesce a farsi ascoltare con piacere, risollevando la parabola discendente intrapresa dall’artista. Bentornato Lenny!

TRACKLIST

  1. Two Legged Sheep
  2. not here to be your friend
  3. same old stars
  4. Ain't Crying For The Moon
  5. Perfect Citizen
  6. this is my life
  7. bon scott
  8. removed the sting
  9. Friends In Spirit
  10. darkroom
  11. look at you
  12. across the universe
  13. get it on (2006 version)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.