KISSIN’ DYNAMITE – Generation Goodbye

Pubblicato il 15/07/2016 da
voto
6.5
  • Band: KISSIN' DYNAMITE
  • Durata: 00:47:52
  • Disponibile dal: 08/07/2016
  • Etichetta: AFM Records
  • Distributore: Audioglobe

Ad un paio d’anni di distanza dalla pubblicazione del discreto “Megalomania”, i Kissin’ Dynamite rilasciano un’opera dalla quale emerge la chiara volontà di recidere definitivamente (?) il cordone ombelicale dai tradizionali schemi dell’hair metal, per approdare ad un linguaggio sonoro più maturo, moderno e liricamente impegnato. Sin dall’inequivocabile copertina, “Generation Goodbye” può essere inteso come una sorta di concept album apocrifo, in grado di offrirci un punto di vista estremamente critico e disincantato nei confronti della società attuale. Al contempo, la compagine tedesca ha innescato una sensibile rivoluzione all’interno delle proprie dinamiche di gioco, compiendo la coraggiosa scelta di curare ogni singolo aspetto del proprio business. A tal proposito, il cantante e compositore Hannes Braun si è assunto il gravoso onere di occuparsi della produzione, avvolgendo gli undici episodi in una veste sonora tremendamente attuale, satura di suoni potenti,  corposi e luccicanti. Peccato però doverci imbattere ancora una volta in un disco verosimilmente esplosivo, letteralmente ridimensionato da una setlist che alterna parecchie luci ad altrettante ombre. Si parte alla grande con la title track, tradizionale midtempo a presa rapida caratterizzato da un chorus a dir poco ammiccante, appositamente studiato per fare faville dal vivo. I Nostri premono a tavoletta il pedale dell’acceleratore con “Hashtag Your Life”, gagliardo uptempo arricchito da ficcanti e portentose melodie vocali. “She Came She Saw” è un futuristico ‘footstompin’ arricchito da un abbagliante groove dubstep che duella all’ultimo sangue con un vertiginoso assolo di chitarra. Piace altresì l’irregolare geometria delineata dall’anthemica “Somebody To Hate”, mentre spetta all’emozionante “If Clocks Were Running Backwards” smorzare con efficacia la tensione accumulata fino ad ora. “Masterpiece” invece si presenta come una sontuosa ballad ricoperta da uno strato indigesto di melassa, mentre “Flying Colours” è un potenziale inno impietosamente castrato da coretti stucchevoli e irritanti. “Utopia” appare ai nostri occhi come un tronfio, ampolloso e ridondante epilogo vergato da un gruppo sino ad ora incapace di spiccare definitivamente il volo. Errare è umano, ma perseverare è diabolico!

TRACKLIST

  1. Generation Goodbye
  2. Hashtag Your Life
  3. If Clocks Were Running Backwards
  4. Somebody To Hate
  5. She Came She Saw
  6. Highlight Zone
  7. Masterpiece
  8. Flying Colours
  9. Under Friendly Fire
  10. Larger Than Life
  11. Utopia
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.