KOBRA AND THE LOTUS – Prevail II

Pubblicato il 07/05/2018 da
voto
7.0
  • Band: KOBRA AND THE LOTUS
  • Durata: 00:53:12
  • Disponibile dal: 27/04/2018
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

I Kobra And The Lotus, band capitanata dalla bionda cantante canadese Kobra (al secolo Brittany) Paige, avevano pubblicato l’anno scorso l’album “Prevail I”, al quale segue appunto adesso “Prevail II”. In realtà, l’idea originaria era quella di pubblicare un doppio album, ma l’etichetta suggerì poi di suddividerlo in due parti e differire l’uscita della seconda, come se si trattasse di due full-length distinti, benchè concepiti, scritti e registrati contestualmente. All’epoca di uscita di “Prevail I”, molti non avevano gradito il cambio di rotta della band, che era passata da uno stile heavy/power classico ad un metal melodico dalle sonorità più moderne. “Prevail II”, ovviamente, segue la scia del suo predecessore, ma dopo aver meglio metabolizzato questi cambiamenti stilistici, probabilmente risulterà adesso più facile apprezzare il nuovo corso seguito da Kobra e dalla sua band. Infatti, la maggior parte dei brani riesce ad essere subito accattivante, grazie ad un sound fresco e a melodie azzeccate, supportate dai riff massicci del chitarrista Jasio Kulakowski, straripante anche quando si concede i suoi spazi in assoli dal sapore neoclassico. Davvero niente male dunque tracce come “Losing My Humanity”, “Let Me Love You” (presente anche in versione acustica), “My Immortal”, “Fallen Empire” e “Modern Day Hero”. “You’re Insane”, invece, è forse il pezzo che ricorda maggiormente i loro trascorsi, senza però che possa annoverarsi tra i migliori episodi del disco, così come non ci convincono granchè altre tracce quali “Velvet Roses” e “White Water”. Carina la cover di “The Chain” dei Fleetwood Mac, un’altra band con una (storica) bionda dietro ai microfoni, mentre “Ribe” è una breve strumentale con la chitarra acustica. A conti fatti, è fin troppo facile concludere che, se la band avesse optato per una selezione dei migliori brani tra i due dischi, ne sarebbe venuto fuori un full-length di altissimo spessore: la scelta della band non paga in tal senso, per cui ci ritroviamo invece due dischi con alcune canzoni ben riuscite ma anche altre che potremmo considerare alla stregua di filler. Resta il fatto però che il gruppo canandese ha dimostrato di saper realizzare bei pezzi, peraltro in un periodo in cui Kobra ha avuto gravissimi problemi di salute dovuti alla malattia di Lyme, che aveva contratto in circostanze non accertate in maniera definitiva, ora fortunatamente del tutto superati, per cui guardiamo al futuro della band davvero con ottimismo ed interesse.

TRACKLIST

  1. Losing My Humanity
  2. Let Me Love You
  3. Ribe
  4. My Immortal
  5. Fallen Empire
  6. Heartache
  7. Velvet Roses
  8. Modern Day Hero
  9. You're Insane
  10. White Water
  11. The Chain (Fleetwood Mac cover)
  12. Let Me Love You (Acoustic Version - Bonus Track)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.