KONKHRA – Alpha and the Omega

Pubblicato il 13/10/2019 da
voto
6.0
  • Band: KONKHRA
  • Durata: 00:55:33
  • Disponibile dal: 18/10/2019
  • Etichetta: Hammerheart Records
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

Sono anni che i Konkhra postano sui social network il proprio entusiasmo per l’arrivo di un nuovo album. Come da tradizione per la band, la gestazione dei brani è stata lunga e discontinua e la stessa pubblicazione del lavoro ha subito vari slittamenti, tanto che “Alpha and the Omega” arriva nelle nostre mani ad addirittura un decennio dal precedente “Nothing is Sacred”.
E’ noto a molti come i danesi abbiano deciso di archiviare la breve parentesi in territori groove/modern metal di fine anni Novanta: le (poche) opere rilasciate nel nuovo millennio hanno visto Anders Lundemark e soci tornare al thrash e al death metal, accentuando sempre di più la pesantezza di chitarre e ritmiche per evidenziare il concetto di ‘back to the roots’. “Alpha…” insiste su queste coordinate, mettendo in mostra un sound ancora più vigoroso e stentoreo rispetto a quello che ha caratterizzato le ultime prove. Restano lontanissimi i tempi di “Spit or Swallow”, ma per tutto l’arco della tracklist si respira questa estrema urgenza di rivendicare il proprio antico essere e la propria autorità. Si manifesta, tuttavia, anche un certo senso di sovrabbondanza e destrutturazione: l’album, composto appunto in un lasso di tempo veramente lungo, si affida spesso a dei midtempo molto estesi, sovente caratterizzati da riff stoppati che danno l’idea di essere già stati proposti più volte. L’incedere è spesso macchinoso, la durata media dei pezzi particolarmente impegnativa e il continuo insistere su trame cariche di pesantezza ma non di atmosfera porta molti dei suddetti episodi a risultare monotoni o comunque privi di quei guizzi e di quegli stop’n’go che contraddistinguono gli ormai sempre più vecchi classici dei danesi. Il paradosso è dunque che l’album probabilmente più heavy della ‘recente’ discografia della band di Copenhagen sia anche quello meno interessante. E’ una diretta conseguenza di una lavorazione irregolare ed estenuante, guidata da un’ispirazione che non è certo quella degli esordi. Quando i Konkhra si aprono ad una varietà di riferimenti più ampia – come in “Babylon”, “Floodgates”, “Misled” e “Darkest Millennium” – i risultati si fanno apprezzabili, ma in altri punti del disco la band si specchia un po’ troppo nella propria andatura da carro armato, apparendo volenterosa ma poco lucida. A conti fatti, speravamo in un ritorno un filo più divertente.

TRACKLIST

  1. Alpha And The Omega
  2. Thoth
  3. Divine Wind
  4. Babylon
  5. Bow To Moloch
  6. Blood Reign
  7. Floodgates
  8. Sandblasted
  9. Misled
  10. By Instinct Be Driven
  11. Darkest Millenium
  12. I Am Ra
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.