KORN – Untitled

Pubblicato il 27/09/2007 da
voto
5.0
  • Band: KORN
  • Durata: 00:53:24
  • Disponibile dal: //2007
  • Etichetta: EMI
  • Distributore:
Evoluzione? Per quanto i Korn non abbiano mai pubblicato lo stesso album due volte, l’ultima metamorfosi della seminale formazione di Bakersfield sembra piuttosto il risultato di una orrenda mutilazione. Dopo aver perso Head nelle acque battesimali, il batterista David Silveira se n’è andato nell’ombra, probabilmente fatto tacere da clausole contrattuali, tirando in ballo una improbabile tendinite (non gli impedirebbe di fare tanti pesi da diventare un culturista?); con un Munky sotterrato dalla produzione e ancora spaesato senza il suo compagno di sempre, e con un Fieldy in completa crisi esistenziale, è lampante come questo “Senza Titolo” sia il solista di quel Jonathan Davis sopravvissuto al suo alter ego psicotico, alienato e in tuta. Davis è oramai divenuto un “vero” cantante e ha ora la possibilità di esplorare tutte le sue note influenze, The Cure in primo luogo, ma si dimostra costantemente in bisogno di ganci: il risultato è fatto da atmosfere ultra dark e industriali, simili ai Nine Inch Nails, dove la voce fa da padrona, ritmata da una batteria effettata in primo piano, sinth spettrali e pesanti ornamenti da studio, che fanno di The Matrix e di Atticus Ross qualcosa di più della comune figura di produttore. Anche Terry Bozzio, uno dei migliori batteristi in circolazione sulla carta, fallisce nell’integrarsi con la band (alcune tracce di batteria pare siano firmati Jon Davis!) e nel regalare una prestazione sopra le righe. “Bitch, We Got a Problem” ha la carica del passato ma fallisce nel ritornello, “Hold On” e “Ever Be” tentano di resuscitare le chitarre ma mancano del basso supremo di Fieldy… solo “Killing” riesce ad essere violenta e trascinante in un album afflitto da ripetizioni, tempi lenti, chitarre in cantina. Si spera siano solo una crisi di mezza età, in quanto al momento i Korn non sono più di un nome con cui far soldi (non ci si chieda dunque perché la band continui a fare tour e perché i componenti rimasti continuino a portarne il vessillo). Essere sempre più lontani dal metal non è una giustificazione.

Vuoi un altro parere? Leggi l’altra recensione di Metalitalia.com!

TRACKLIST

  1. Intro
  2. Starting Over
  3. Bitch We Got A Problem
  4. Evolution
  5. Hold On
  6. Kiss
  7. Do What They Say
  8. Ever Be
  9. Love And Luxury
  10. Innocent Bystander
  11. Killing
  12. Hushabye
  13. I Will Protect You
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.