KORPIKLAANI – Korven Kuningas

Pubblicato il 23/03/2008 da
voto
6.0
  • Band: KORPIKLAANI
  • Durata: 01:14:01
  • Disponibile dal: 21/03/2008
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Audioglobe

Strano a dirsi, ricompaiono già fra noi i finnici Korpiklaani a soli otto (8!!!) mesi dalla pubblicazione del precedente “Tervaskanto”; non l’avremmo mai pensato, tenuto conto del passaggio dalla Napalm Records alla Nuclear Blast, l’attitudine ‘conigliesca’ del gruppo a sfornare album in rapida successione – quarto in quattro anni: record! – e la volontà di Jonne Järvelä e soci di farsi sentire il più possibile finché la sbornia da humppa folkish metal sarà stolidamente ronzante nelle teste dei metallari di mezza Europa. A parte l’ironia, cosa dire su “Korven Kuningas”? La solita solfa, praticamente: una schifezza per chi vomita sul metal da balera lappone, un capolavoro per chi si cappotta tra svedesotte in gonnellona e tedescone rubizze. L’album, nel suo complesso, è prodotto meglio rispetto ai precedenti, presenta qualche arrangiamento più studiato del solito (‘studiato’ è una parolona, ovviamente) ed è caratterizzato da una velocità media non troppo elevata. Mossa, quest’ultima, avventata: la forza dei Korpiklaani sta nelle partiture più lanciate e qui dentro ne sono testimonianza le trascinanti “Tapporauta”, “Runamoine” e “Northern Fall”, mentre la band diventa tremendamente noiosa quando rallenta l’andatura e i giri di fisarmonica e violino perdono efficacia – sempre che non l’abbiano già persa al trentesimo pezzo con simile ritmica e stesso incedere… Comunque, per questo debutto ambizioso per un’etichetta che non sappiamo quanto abbia fatto bene a puntare sui Korpiklaani, “Korven Kuningas” è un lavoro sufficientemente accettabile. “Keep On Galloping” tiene alta la famosa bandiera del western finnico (?) con un passo molto divertente, e non facciamo fatica ad immaginare un polveroso Terence Hill in versione Trinità preferire il salmone e la neve di Helsinki ai fagioli e cotiche di El Paso (ma quando mai?!). Nel segnalare la terribile trovata di allungare la conclusiva title-track di venti minuti con un outro tribale – una stordente martellata sui maroni! – non resta che dire che il Clan della Foresta ci ha regalato un’altra perla di estenuante humppa metal. Da conservare per l’Oktoberfest o per le nottate all’addiaccio ai festival estivi. E l’anno prossimo torneranno pure, puntuali come le zanzare! Scommettiamo?

TRACKLIST

  1. Tapporauta
  2. Metsämies
  3. Keep On Galloping
  4. Northern Fall
  5. Shall We Take A Turn?
  6. Paljon On Koskessa Kiviä
  7. Ali Jäisten Vetten
  8. Gods On Fire
  9. Kantaiso
  10. Kipumylly
  11. Suden Jioku
  12. Runamoine
  13. Syntykoski Syömmehessäin
  14. Korven Kuningas
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.