KRALLICE – Ygg Hurr

Pubblicato il 29/09/2015 da
voto
7.5
  • Band: KRALLICE
  • Durata: 00:35:19
  • Disponibile dal: 21/09/2015
  • Etichetta:
  • Avantgarde Music

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Ascoltando il quinto album dei newyorkesi Krallice ci si pone una domanda. Quanto black metal c’è ancora nel messaggio sonoro del quartetto statunitense e quanto ancora vorranno portare al limite le proprie doti tecniche e compositive al servizio del genere? “Ygg Hurr” è il loro album più complesso, estroso e spigoloso oltre ad essere il più corto di durata. I sei pezzi sono concentrati in poco più di trentacinque minuti di musica ed il black metal degli esordi, per quanto possa essere stato avanguardistico e personale, si percepisce a tratti. Il comun denominatore potrebbe essere la voce che, con varie timbriche pur sempre estreme, è il passato che ritorna. Oppure i blast beat di batteria ancora presenti in fugace apparizione. Il resto, a livello di suono, struttura e concezione è ancora diverso, unico ed esponenzialmente sperimentale rispetto a “Diotima” o all’ultimo “Years Past Matter”. Il quartetto ci presenta un’ opera che travolge l’ascoltatore e lo annichilisce per la grande perizia tecnica che dimostra, per le continue e rocambolesche tempeste sonore disarmonizzanti che cambiano e non durano oltre i due minuti. Si passa dal noise delle chitarre alla Sonic Youth esasperato e reso brutale, al thrash cosmico di “Nothingface” dei Voivod passando per le lugubri atmosfere psichedeliche di Gorguts ed al math-core dei Lightning Bolt più oscuri. Chiaro che i Krallice mantengono le proprie coordinate stilistiche primigenie ma le mutano in un processo di evoluzione e ricerca sonora costante. I blast beat hanno la funzione di essere un accessorio per abbellire parti sbilenche e totalmente fuori da ogni disegno ritmico precostituito. “Idols” posta in apertura, è solo un piccolo assaggio di quello che accadrà in seguito anche se mantiene un’identità tradizionale a quanto fatto in precedenza dai Krallice. Già con la successiva “Wastes Of Ocean” sembra di essere catapultati in una vorticosa e mastodontica orgia di rumore ipnotizzante che progredisce in partiture che accarezzano la dissonanza acida delle chitarre crimsoniane. I continui cambi di tempo non danno tregua e seguono una loro evoluzione armonica e tonale. Non siamo di fronte al copia ed incolla che la maggior parte delle band tecnicamente ipertrofiche e masturbanti il proprio strumento propongono, ma ad una sorta di evoluzione della spigolosità della musica estrema, in questo caso del post balck avanguardistico. Può sembrare strano ma i brani scorrono e le funamobliche perizie tecniche dei quattro musicisti non sono esercizi di stile ma strumenti per generare rumore progressivo che affascina. I Krallice insieme forse ai Liturgy sono i custodi di questo nuovo pensiero musicale. In “Bitter Meditation” le sfuriate matematiche e geometricamente aliene ad ogni pentagramma si chetano un attimo per dare spazio a momenti leggermente più tranquilli ma non meno interessanti e caustici. Resta da dire che “Ygg Hurr” non è un album facile. Non è un album che tutti possono ascoltare, ma non per mancanza di preparazione o cultura musicale. E’ un album elitario perchè bisogna essere predisposti alla follia cacofonica e dodecafonica per comprendere questo piccolo gioiello di musica sperimentale. E la follia non è per tutti. Un album che ha ancora tracce di sinfonie nere e misantropiche ma che guarda all’estremizzazione del concetto di musica nelle tre dimensioni dello spazio e del tempo sperimentando con libertà estrema e viscerale passione, elementi sonici che alla parvenza risultano distanti ed agli opposti. Opposti che si attraggono, collidono e creano nuova musica contemporanea.

TRACKLIST

  1. Idols
  2. Wastes of Ocean
  3. Over Spirit
  4. Tyranny of Thought
  5. Bitter Meditation
  6. Engram
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.