KRISIUN – Ageless Venomous

Pubblicato il 01/07/2001 da
voto
5.0
  • Band: KRISIUN
  • Durata:
  • Disponibile dal: //2001
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: Self

Due grossi interrogativi hanno arrovellato tutto il tempo le mie meningi dopo l’ascolto di questo nuovo album dei Krisiun: uno, come possa una band con una produzione così approssimativa ed amatoriale poter far parte del rooster Century Media senza intaccare l’immagine di una label che da tempo ormai si distingue per le sue produzioni eccellenti; due, come possa una band tale continuare imperterrita nel produrre dischi senza accennare alla benché minima crescita artistica, ed anzi riuscendo a peggiorare di volta in volta ad ogni nuova uscita. Conoscevo la band brasiliana già dai tempi di “Apocalytpic Revelation” del ‘98, che decisi di ascoltare dopo aver assistito ad una loro performance in una delle date italiane di supporto a Kreator e Dimmu Borgir, e sebbene la loro seconda prova in studio (il primo full-length è infatti “Black Force Domain” del ’95) non portasse in consegna di certo la new sensation del death metal brasiliano, riuscì grazie ad un discreto concentrato di death metal figlio di Deicide e Morbid Angel ad ammorbidire le mie durissime opinioni nei riguardi di una band che dal vivo diede atto ad uno spettacolo tutt’altro che esaltante, tra presunti virtuosismi di un chitarrista-zanzara ed un batterista sporco ed impreciso… Passati poi alla Century Media, mi augurai un miglioramento nella loro proposta, almeno dal punto di vista tecnico e della produzione, ma invece la band mostrò di non essere in grado di spingersi troppo oltre lo status di gregaria nel già fin troppo saturo mercato estremo: “Conquerors Of Armageddon” era infatti un album discreto, con tutti i clichè del genere, ma non certo migliore di almeno un altro centinaio di band che negli ultimi dieci anni si sono cimentate in questo genere; dubito fortemente, quindi, che per qualcuno i Krisiun possano aver costituito un acquisto particolarmente indovinato, e soprattutto che qualcuno abbia inserito “Conquerors…” tra i migliori death metal album dello scorso anno, tranne i parenti stretti dei tre ‘brasileros’. Purtroppo, e dico purtroppo, il copione non cambia affatto con “Ageless Venomous”, ed anzi peggiora: un drumming, o sarebbe più appropriato dire una ‘drum machine’, al limite del ridicolo (e qui sorge una grossa problematica: perché la maggior parte delle produzioni extreme metal degli ultimi due anni hanno la batteria talmente ritoccata – male – che viene smascherato facilmente l’uso di un drumming artificiale? Non sarebbe preferibile un batterista con qualche difettuccio, che giochi meno a fare il superman della situazione, e che sia appunto UMANO?); un fantomatico virtuoso delle sei-corde, tale Moyses Kolesne, che dovrebbe farci bella mostra (a detta della biografia) delle sue (in)capacità in campo classico, ma che invece riesce solo a farci sorridere per le sue nefandezze esecutive, specie laddove vuole esagerare con l’atteggiamento da super-virtuoso super-dotato, fallendo miseramente (vedi lo strumentale “Diableros”, ovvero: esercizi per la plettrata alternata volume uno). Non bastano le intro ambient e la t-shirt dei Venom indosso ad uno dei tre muchachos a distogliermi dallo stroncare questo quarto, e spero ultimo, album dei Krisiun. E che non mi si venga a dire che in Brasile la Century Media non abbia trovato nessuno di meglio da mettere sotto contratto: e i Rebaelliun?

TRACKLIST

  1. Perpetuation
  2. Dawn Of Flagellation
  3. Ageless Venomous
  4. Evil Gods Havoc
  5. Eyes Of Eternal Scourge
  6. Saviour's Blood
  7. Serpents Specters(instr.)
  8. Ravenous Hordes
  9. Diableros(instr.)
  10. Sepulcral Oath
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.