KRONOS – Colossal Titan Strife

Pubblicato il 02/03/2004 da
voto
7.5
  • Band: KRONOS
  • Durata:
  • Disponibile dal: /02/2004
  • Etichetta: Xtreem Music
  • Distributore:

Doverosa premessa iniziale: per essere un disco Xtreem, questo “Colossal Titan Strife” è prodotto davvero molto bene. Lo zampino di Kris Belaen, già producer degli Aborted, non fa che rendere il giusto merito al brutal death metal di questi cinque francesi che vanno sotto il nome di Kronos. Registrato e mixato nei belga CRR studios tra agosto e settembre 2003, “Colossal Titan Strife” è il secondo full-lenght della band, seguito di “Titan’s Awakening”, datato 2001. A livello di contenuti continua la cifra stilistica che ha caratterizzato i Kronos dal debut, ovvero la passione per la mitologia greca. L’album è un concept sulla lotta mortale intrapresa da Zeus e dalle divinità dell’Olimpo contro il padre Crono e i Titani, una guerra senza quartiere per la dominazione del mondo e il potere assoluto su tutte le creature. Logicamente vengono sottolineati gli aspetti più ferini e gli episodi più sanguinosi della battaglia, in conseguenza dell’aggressività del genere musicale. Fa piacere notare come i Kronos si siano prodigati per dare un senso anche concettuale ai loro brani, ammantandoli di storia primordiale e di costanti riferimenti ad un universo di brutalità che non conosce epoca. L’intro “Mythological Bloodbath” ci getta all’istante nel pieno della carneficina, tra urla, cavalli impazziti, rumori di squartamenti. Al servizio di una musica tetra e sanguigna si piegano tutte le suggestioni di un mondo senza legge alcuna, se non quella del più forte. Durante tutto l’album i Kronos ci aggrediscono con un death metal fortemente debitore dei Deicide, costruito sul tecnicismo death-thrash dei due chitarristi e su una sezione ritmica veloce e potentissima. A questo si aggiungono stilemi tipici di Monstrosity e ultimi Aborted, ravvisabili nella buonissima prova vocale di Kristof, nella dinamicità delle composizioni, nell’eclettismo della batteria e nell’attitudine catchy di alcune parti, che non fanno altro che dare maggior coinvolgimento al lavoro. I dieci brani del disco sono ben strutturati, arrangiati in modo da conferire il giusto risalto a tutte le componenti, verso un risultato vario e per niente noioso. Il gruppo dimostra anche di essere in grado di mescolare le sue influenze in modo personale, dunque al di fuori della scolasticità emulativa che purtroppo piaga molti altri lavori. In “Colossal Titan Strife” i Kronos sfoderano un estro creativo di buon livello, capace in ogni song di far convivere violenza senza mezze misure e assoli chitarristici di gusto ricercato. All’attacco della title-track, compatto e veloce con un growl cavernosissimo, siamo già consci che non potremo stare fermi. Quando poi cominciano ad alternarsi il growl e uno screaming lacerante, mentre la batteria costruisce muri di epicità solenne e le chitarre si lanciano in riffing veramente sinistri, capiamo che siamo di fronte a qualcosa di realmente interessante. Senza risparmiarsi, i Kronos mischiano cambi su cambi: lentezze apocalittiche mai scontatamente pesanti, dinamismi coinvolgentissimi, essenzialità e ricchezza, riff spietati e una presenza che sa di sangue e di polvere. Nella densità ben articolata dell’album emerge una ferrea volontà di non essere uguali a se stessi, motore della varietà di fondo del lavoro. “With Eaque Sword”, “Haterealm”, “Monumental carnage” e l’apoteosi finale di “Infernal Worms Field” valgono davvero l’ascolto: per tutti quelli che vogliono essere lambiti dalla furia dei Centimani e respirare la morte in fondo al Tartaro. Bella sorpresa.

TRACKLIST

  1. Mythological Bloodbath
  2. Colossal Titan Strife
  3. Submission
  4. Opplomak
  5. With Eaque Sword
  6. Aeternus Pharaos Curse
  7. Haterealm
  8. Monumental Carnage
  9. Phaeton
  10. Kronos
  11. Infernal Worms Field
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.