KRYPTONITE – Kryptonite

Pubblicato il 18/08/2017 da
voto
7.0
  • Band: KRYPTONITE
  • Durata: 00:47:14
  • Disponibile dal: 04/08/2017
  • Etichetta: Frontiers
  • Distributore:

Nati da un’intuizione felice del cantante dei The Poodles, Jakob Samuel, in collaborazione con l’affermato produttore e musicista Alessandro Del Vecchio, i Kryptonite si presentano al grande pubblico mediante un esordio degno di indubbio interesse, contenente al suo interno undici episodi di puro AOR di chiara matrice scandinava. Non potrebbe essere altrimenti, visto che la squadra talentuosa viene completata dal giovane chitarrista Michael Palace, dal poliedrico bassista Pontus Egberg (Treat, King Diamond e mille altri) e dal muscolare batterista Robban Bäck (Mustasch). Le eleganti melodie ricamate ai tasti d’avorio da Pete Alpenborg e Mats Valentin, oltre alla consueta impronta conferita dall’infaticabile Del Vecchio, svolgono un ruolo fondamentale nell’elargire un’abbondante dose di melodia a delle composizioni schiette ed orecchiabili. Raffigurato da un’ammaliante immagine di copertina, che richiama il magico mondo dei grandi fumetti a stelle e strisce, “Kryptonite” si presenta come un disco valorizzato da una produzione curata ed al passo con i tempi. Una scelta stilistica di questo calibro si rivela vincente nell’attribuire al suddetto lavoro quella necessaria freschezza a canzoni di indubbio impatto come “Chasing Fire”, “Keep The Dream Alive” e “Get Out Be Gone”. L’immancabile power ballad “Knowing Both Of Us” è una piacevole ‘sing along’ baciata da un ritornello coinvolgente ed efficace, mentre “One Soul” eredita con autorevolezza quelle melodie solari che in passato hanno reso grandi gli Europe. Piace altresì l’afflato malinconico palesato da “Across The Water”, la quale decolla in un ritornello tanto fragile quanto appassionante, interpretato con il dovuto ardore dalle corde vocali stentoree del buon Samuel. Di tanto in tanto, la tensione viene smorzata da un’ispirazione non sempre stellare e da un’intesa collettiva non pienamente raggiunta, come nel caso di “No Retreat No Surrender”, “This Is The Moment” e “Love Can Be Stronger”, a tratti permeate da un’eccessiva ridondanza di forma e di contenuto. C’è sicuramente qualche imperfezione da smussare nel futuro prossimo, ma siamo convinti che i protagonisti abbiano posato il primo mattone di un percorso potenzialmente brillante. Sempre che non si tratti di un progetto estemporaneo.

TRACKLIST

  1. Chasing Fire
  2. This Is The Moment
  3. Keep The Dream Alive
  4. Fallen Angels
  5. Across The Water
  6. Love Can Be Stronger
  7. Knowing Both Of Us
  8. Get Out Be Gone
  9. One Soul
  10. Better Than Yesterday
  11. No Retreat No Surrender
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.