KRYSANTEMIA – Finis Dierum

Pubblicato il 24/02/2015 da
voto
7.5
  • Band: KRYSANTEMIA
  • Durata: 00:33:51
  • Disponibile dal: 24/02/2015
  • Etichetta: Memorial Records
  • Distributore: Andromeda

Ascoltando “Finis Dierum”, praticamente da subito viene da chiedersi se questi siano gli stessi autori dello sbiadito e trascurabilissimo “Lay Down Forever”. Questo nuovo full-length è una bordata di thrash metal moderno, potente e melodico, un disco di quelli che catturano sin dal primo ascolto. Il salto stilistico della band è impressionante: il song-writing è più maturo ed incisivo, con trovate capaci di concedere un po’ al commerciale (il clean-singing di “Not Alone” ne è un chiaro esempio), restando sempre nell’ambito di un thrash melodico con qualche concessione al death; gli arrangiamenti di questo nuovo lavoro sono ottimi, così come l’esecuzione tecnica ed il sound. La voce di Andrea tiene salde le redini nel susseguirsi delle tracce, passando un growl ad uno scream di stampo moderno, mentre le chitarre di Alex e Mario alternano, tra mid-tempo ed up-tempo, riff di matrice classicamente thrash (l’inizio di “Incarnation” ricorda in modo impressionante certe composizioni di Skolnick) ad altri di “sapore” più moderno. Certo, c’è molta melodia, ma ci sono anche momenti più “grezzi”, più affini all’headbanging sfrenato, come “Shadows Of Fault” od il mid-tempo groove di “Six Feet Away”, dove fa capolino anche una certa influenza di stampo svedese, fino all’opener “In Corpus Diaboli”. Non c’è che dire, i Krysantemia hanno fatto un notevole passo avanti ed un’intensa attività live ha contribuito sicuramente a rendere la band più affiatata, oltre che insegnare ai modenesi certe “malizie”: quei piccoli accorgimenti che riescono a mantenere vivo un pezzo, anche in momenti deboli. Inoltre la musica proposta su questo “Finis Dierum” è di respiro decisamente internazionale, con un sound ed uno stile di quelli che piacciono molto in paesi come la Germania; non solo: è quel tipo di musica che “va bene su tutto”, rendendo i Krysantemia il classico gruppo che potrebbe suonare a qualunque open-air. Gli ingredienti per fare il “salto” ci sono tutti, inutile negarlo, ed in questo c’è anche il punto debole di questo disco: è tutto preciso, con i suoni azzeccati ed il “tiro” che coinvolge da subito, così tanto che – a volte – sembra anche un po’ troppo. Quello che intendiamo è che “Finis Dierum” rischia di apparire un disco un po’ troppo furbo, che vuole strizzare l’occhio a tutti i costi; inoltre la band palesa ancora un po’ di mancanza di personalità, riversando in modo un po’ troppo palese le proprie influenze e rischiando di cadere nello scontato o nel già sentito, anche se va detto che questi episodi sono ben controbilanciati dalle molte trovate arrangiative e compositive. Possiamo dire, in conclusione, che i difetti presenti su “Finis Dierum” sono di quel tipo che, se superati, trasformano una buona band in una band di sicuro successo, ma, come abbiamo accennato, gli ingredienti per sfondare ci sono già tutti e possiamo dire fin d’ora che, se il prossimo lavoro dei Krysantemia presenterà lo stesso miglioramento che c’è stato tra “Lay Down Forever” e “Finis Dierum”, ci troveremo davanti ad un capolavoro.

TRACKLIST

  1. In Corpus Diaboli
  2. Finis Dierum
  3. At Last
  4. Not Alone
  5. Sadistic Possession
  6. Incarnation
  7. When The Sun Dies
  8. Shadows Of Fault
  9. Try To Get Lost
  10. Six Feet Away
  11. Saint Evil
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.