KYLESA – Static Tensions

Pubblicato il 22/03/2009 da
voto
7.0
  • Band: KYLESA
  • Durata: 00:40:24
  • Disponibile dal: 09/03/2009
  • Etichetta: Prosthetic Records
  • Distributore: Audioglobe

A furia di tagliare, ridurre e smussare, alla fine i Kylesa hanno trovato la loro dimensione. Partiti come combo di hardcore sludge i ragazzi di Savannah, album dopo album, pur senza rinnegare le proprie origini, sono giunti a togliersi di dosso parecchie delle scorie che infestavano il loro sound e ora, giunti allo scheletro della loro proposta, si può vedere chiaramente quale sia il punto di riferimento dei nostri: Mastodon! Certo, è ancora più che lecito citare band quali Fugazi, Cathedral o Neurosis, ma tutti vengono messi in secondo piano rispetto alla band di Troy Sanders e soci. Non vogliamo dire che i Kylesa si siano trasformati in una clone band, però certi riferimenti sono innegabili e sotto gli occhi di tutti. Innanzitutto il sound come detto è stato sgrezzato ed ora è più semplice e diretto, in alcuni frangenti diremmo quasi catchy. I frangenti più noise si sono assottigliati in maniera piuttosto evidente, mentre la componente sludge ora è decisamente più groovy che non in passato. In compenso ora troviamo insite nel sound dei nostri delle atmosfere psichedeliche decisamente azzeccate (ad esempio in “Insomnia For Months”). Ciò nonostante non si può parlare di cambiamento radicale: i Kylesa si sono evoluti in maniera coerente ed anche interessante. La componente core è rimasta nel loro DNA e viene fuori prepotentemente soprattutto a livello vocale, dove le tre voci come sempre si contendono la scena. I brani più intriganti contenuti in “Static Tension” sono anche quelli più particolari, ovverosia “Running Red”, “Nature’s Predator”,  “Only One” e “To Walk Alone”: la prima e l’ultima delle tracce citate godono di un lavoro di chitarra estremamente raffinato ed inusuale per gli standard del genere, al quale abbinano dei chorus piuttosto melodici ma mai ruffiani. “Nature’s Predator” mette in evidenza il lato più seventies del sound della band, mentre “Only One” alterna sfuriate hardcore a partiture chitarristiche ben più accessibili. “Static Tension” è senza dubbio il classico album della svolta: i Kylesa hanno scelto la propria strada senza guardare in faccia nessuno! Già con il prossimo lavoro vedremo con chiarezza dove li porterà; nel frattempo ci godiamo volentieri la maturazione di una band che dopo quattro album non ha ancora dato segni di cedimento, e anzi migliora in maniera lenta ma costante. Bravi!

TRACKLIST

  1. Scapegoat
  2. Insomnia For Months
  3. Said And Done
  4. Unknown Awareness
  5. Running Red
  6. Nature’s Predators
  7. Almost Lost
  8. Only One
  9. Perception
  10. To Walk Alone
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.