LA ARMADA – Anti-Colonial Vol.1

Pubblicato il 29/08/2018 da
voto
7.0
  • Band: LA ARMADA
  • Durata: 00:26:10
  • Disponibile dal: 30/03/2018
  • Etichetta: Epidemic Records
  • Distributore:

Latino Hardcore Fury from Dominican Republic Via Chicago, IL. Se i Brujeria non sono mai abbastanza basta spostare un attimo la testa (e le orecchie) e ripescare i dominicani La Armada, sempre alle prese col colonialismo bianco e coi pendejos delle politiche mondiali. “Anti-Colonial vol.1” è un altro inno hardcore punk, ma questa volte le carte sono rese un po’ più eclettiche, anche se sempre aggressive, come recita la striscia iniziale. Dalla scena di Chicago e del DIY La Armada riesce a recuperare nuova linfa. Come sottolinea la band, infatti. “La scena punk DIY ci ha accolti a braccia aperte e ci ha fatto sentire a casa. Abbiamo avuto l’opportunità di assorbire influenze da generi diversi, dal power-violence, cumbia, hip-hop e penso che vengano tutte fuori in questo album”. “La Esencia” potrebbe essere un po’ il sunto del discorso: critiche allo squallore politico e xenofobo, distorsioni e qualche sporadico spunto hip-hop, seppur tenuto a bada. Permane lo spirito Lagwagon (“Los Intocables”), Propagandhi (“Homan Square”), Bad Brains (“Fire”) e tutto quel filone heavy-thrash anni Ottanta che ritorna sempre come motore principale (“Ruido Anticolonial”/”Unquenchable”): il tutto rende quell’atmosfera sicuramente già sentita, ma la potenza espressiva della band riesce ad emergere in tutti i brani del lotto. Interessanti anche quella sorta di intermezzi (“A Vision Of Opportunity”) che ammorbidiscono il discorso, solo per riprenderlo con violenza ancora maggiore (“De Pendejos Y Astutos”). Un po’ come i Brujeria, gruppi come La Armada restano una tappa obbligata per i live show sanguigni e protestanti vero spirito hardcore punk, ma con “Anti-Colonial vol.1” si riesce comunque ad assaporare qualcosa di quello spirito e di questo possiamo solo esserne fieri. I suoni sono heavy al punto giusto e il tutto appare come un getto viscerale di rabbia, spirito stradaiolo e quel tocco latino che può ancora sembrare del buon carburante per infiammare gli spiriti più incendiari tra chi ascolta.

TRACKLIST

  1. Planned Obsolescence
  2. Unquenchable
  3. The Auction
  4. La Esencia
  5. Los Intocables
  6. Fire
  7. Homan Square
  8. A Vision Of Opportunity
  9. De Pendejos y Astutos
  10. Ruido Anticolonial
  11. The Balance Of Terror
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.