LA MENADE – DisumanaMente

Pubblicato il 22/05/2015 da
voto
7.0
  • Band: LA MENADE
  • Durata: 00:42:37
  • Disponibile dal: 15/12/2014
  • Etichetta:
  • Valery Records
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

La band capitolina inizia a muovere i primi passi nel lontano 2000, concretizzando le proprie intenzioni nel 2005 con la pubblicazione dell’EP “Conflitti E Sogni”, preludio alla realizzazione del full length “Male Di Luna”, rilasciato un paio d’anni dopo. Il progetto è stato messo in ghiaccio per più di un lustro, salvo poi essere rivitalizzato di recente con una formazione parzialmente rinnovata. Il motore ritmico è stato completamente sostituito, nel quale ora troviamo Chiara al basso e Laura alla batteria, sangue fresco che ha contribuito ad amplificare le idee partorite da queste quattro ragazze agguerrite. “DisumanaMente” è un concept album che si immerge nel buio della fragile coscienza umana, dinoccolandosi in tre atti descritti dalle protagoniste come ‘Orrore’, ‘Ribellione’ ed ‘Abisso’. Un argomento così profondo e complesso viene affrontato con tatto e cognizione di causa dalle La Menade, artefici di una miscela sonora cangiante, francamente impossibile da classificare in un determinato genere. I dieci episodi contenuti in questo lavoro esprimono il linguaggio urticante e schietto del metal moderno, elegantemente impreziosito da asperità progressive e da rivoli costanti di melodia. Sfarzosi innesti di synth contribuiscono a creare un’atmosfera algida e alienante, narrata dalle passionali corde vocali al titanio di Tatiana. Egregiamente registrato e missato da Luciano Chessa ai Moon Voice Recording Studio dell’Aquila, rifinito in fase di mastering da Riccardo Pasini agli Studio 73 di Ravenna, “DisumanaMente” richiede una serie di attenti ascolti al fine di poter apprezzare le innumerevoli sfaccettature di cui è composto. Nel complesso non ci troviamo dunque di fronte ad un disco immediato e facilmente assimilabile, anche se non mancano un paio di ganci che lasciano comunque il segno. Il carattere imprevedibile dei Coal Chamber di inizio millennio riappare in maniera fugace nella titletrack, episodio travolgente che non lascia prigionieri sul campo di battaglia. Le algide melodie che delineano il profilo di “Fate di Me” rievocano con garbo gli Evanescence più ispirati, così come un marcato afflato lirico esplode con vigore nella drammatica “Nero Caos”. Il resto della scaletta viene caratterizzato dalla forte personalità delle protagoniste, che emerge perentoriariamente nella maestosità di “Carne Fragile” e nell’inquietante tensione descritta da “Maschere”. L’opera ci offre tanta carne al fuoco, rappresentando così un nuovo inizio per il collettivo laziale. Bentornate.

TRACKLIST

  1. Carne Fragile
  2. DisumanaMente
  3. Maschere
  4. Fate di Me
  5. La Differenza
  6. Sogni E Lacrime
  7. Nero Caos
  8. L’Assassino
  9. Boogeyman
  10. Black Chaos
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.